lunedì 9 febbraio 2009

La ruota del mulino...

...che macina la farina
e fa la polentina
la polenta è quasi cotta

me la mangio con la ricotta
me la mangio col pesciolino

la polenta di Beppino!


Faceva più o meno così la filastrocca che la mia Peponzola aveva imparato al nido. E io, dal giorno della gita al mulino, ancora la sto canticchiando.
Il mio shopping al mulino è stato abbastanza modesto (tanto, che bello, posso pure tornarci, no?) anche perché nella mia dispensa c'è già un discreto assortimento (e pensare che a casa della maggior parte delle persone che conosco la fornitura è unicamente di banalissima farina 00 del supermercato).
Però non ho saputo davvero resistere alla farina di 5 cereali (nella quale c'è anche quel grano antico che profuma lievemente di vaniglia) e ai semini di girasole e di zucca, già decorticati, che mi mancavano. Andate a sbriciare il post di Astrofiammante, con le foto del mulino!

Il primo esperimento è stato il pane (eeeeh, potevo esimermi?). Buono, il sapore è proprio buono ma... credo di dover ancora prendere un po' di confidenza con questa farina.
Il pane è stato preparato come di consueto adattando la ricetta di Lo: ho utilizzato 250 gr di farina manitoba e 250 gr di farina ai 5 cereali, circa 5 gr di lievito, un cucchiaino di sale e acqua quanto basta per ottenere un bell'impasto elastico.
Dopo 24 ore circa di lievitazione e reimpasti, ottengo una bella pagnotta gonfia gonfia ma... in cottura si è abbassato, appiattito. Uffi. Ci sono rimasta male! Vabbé, ritenta e (forse) sarai più fortunata.

Poi, dopo un paio di giorni, che cosa vedono i miei occhi sul blog di Adina?
Ecco, ve lo racconto subito...





CRACKERS DI ADINA
la ricetta originale qui

140 g di farina semintegrale
140 g di farina ai 5 cereali
50 g di burro
1 presa di sale
20 cl di latte
10 gr di semi di sesamo
10 gr di semi di girasole
10 gr di semi di zucca
10 gr di semi di ajwain
10 gr di semi di papavero

Mettete la farina, il burro, il latte e il sale in una capiente ciotola. Mescolate il tutto, quindi aggiungete i semini e acqua quanto basta per consentirvi di amalgamare bene l'impasto, otterrete un palla dalla consistenza elastica, che lascerete riposare per qualche minuto
Nel frattempo portate la temperatura del forno a 180°.
Con il mattarello stendete sottile la pasta e tagliatela con la rotella dentata (a rettangoli o losanghe, come più vi garba).
Infornate a 180° per circa 10/15 minuti, fino a che saranno ben dorati.

note - questi cracker sono rapidi e golosi... la prossima volta uso altri semini e li stendo più sottili, perché secondo me devono essere sottili e croccanti. I semi di zucca e di girasole non mi hanno consentito di tirare la sfoglia più sottile di così.

----------------------------------------------------------------------------


Le ultime righe (badate bene, non sono ultime per importanza) sono a sostegno di quanto già detto con molta chiarezza ed in modo esauriente da Gisella, da Lorenza, da Marco, da Stella, da Vera&Silvia e da chissà quanti altri che hanno deciso di far sentire la loro voce.
Io vorrei far sentire il mio assordante silenzio, l'ingombrante suono di chi è rimasto totalmente senza parole. Lo sentite? LO SENTITE???

17 commenti:

  1. che buono sia il pane sia icraker...ci mancano solo i cereali!!
    un bacione

    RispondiElimina
  2. Pane meraviglioso.. daiii!!! quei crackers li avevo visti e sognati anche io... è li farò... sicuro!!!
    Appoggio il tuo silenzio... e credo che sia doveroso!

    RispondiElimina
  3. Non entro nel merito della tua (vostra) indignazione. Penso che , da qualunque parte guardi questa vicenda ci sia da recriminare e rimanga solo amarezza e vuoto. Invece impazzisco per il pane e i crack

    RispondiElimina
  4. ciao bella...quanti esperimenti panosi stai facendo....quando arriverai alla ricetta perfetta....
    potrei provare anch'io. Vieni a vedere il molino immortalato nelle fotine, ciao!

    RispondiElimina
  5. Alla prossima gita vengo anch'io, posso?

    RispondiElimina
  6. Ma... la ricetina di quel pane meraviglioso?..
    Vorrei provarlo, mi sembra buono!
    Ciao, a presto!

    RispondiElimina
  7. @ Manu e Silvia - venite anche voi alla prossima gita al mulino!
    @ Maya - i crackers sono comodissimi da fare al volo, senza lievitazione... e sono anche golosi!
    @ Aldarita - verissimo, amarezza e vuoto. Ci possiamo consolare con qualche effimera golosità?
    @ Astrofiammante - ho già aggiunto il link al tuo post, spero non ti dispiaccia! Bravissima!
    @ Blunotte - sarai la benvenuta! Poi dobbiamo fare anche la gita alla Bufalina con Lidia!
    @ Rosso di Sera - hai ragione, ho provveduto ad inserirla. Porta pazienza, per me è la pagnotta di routine, cambiava solo il mix di farine. Mi riprometto di "aggiustare il tiro" e ripubblicare una ricettina ad hoc!

    RispondiElimina
  8. macina macina la Cristina...sai che quei crackers li ho visti pure io??? buoniiiiiiiiiii

    p.s. un bacio tesoro spacca silenzi!

    RispondiElimina
  9. Come ho scritto ad Astro che bella gita!!! E il pane e i crackers che ne sono usciti fuori sono paradisiaci!
    Un bacio
    fra

    RispondiElimina
  10. io ti sento e urlo a mia volta.....

    e urlo pure un po' al tuo pane!! Che bello che l'hai fatto!! E posso pure dire "io c'ero" non mentre lo facevi, ma mentre ti macinavano la farina..quello sì..Letissia onnipresente..un bacino

    RispondiElimina
  11. che bella la vostra scorribanda al mulino :)

    Anche io ormai non riesco piu' a starecon la sola (anche se sempre necessaria) farina 00!

    RispondiElimina
  12. ...Per me invece le farine sono un incubo: non ci capisco molto ma imparerò.
    Pane con olive e timo, anche se al secondo tentativo, è risultato una meraviglia! Brava. Stefano

    RispondiElimina
  13. Mentre leggevo vi immaginavo tutte infarinate!!! Eheheh.
    Beate voi;-)))

    RispondiElimina
  14. @ Lo - questi crackerini sono buoni e veloci, i tuoi crackerini richiedono un po' più di pazienza ma sono ottimi e leggerissimi!
    @ Fra - il pane come ho detto necessita di altre prove... ce la farò!
    @ Mikamarlez - ebbene sì, Letissssia, anche un po' di te c'era in questo pane e in questi cracker!
    @ Ciboulette - d'estate tutte ste farine però diventano un incubo... odio odio odio le farfalline!
    @ Anonimo - caro Stefano, per caso indossi un cappello da cowboy? Sulle farine ho ancora tanto da imparare! Grazie della visita!
    @ Cannelle - infarinate no, ma immagina che abbiamo infilato le mani in tutte le granaglie possibili immaginabili, mi sentivo molto Amelie!

    RispondiElimina
  15. miiiii quante delizieeee!! e ora corro pure a vedere le foto da astro!
    la pagnottella è bellissima davvero.. e pazienza se si è abbassata un pochinino...
    la polentina con la ricotta... mmmmmm
    mi incuriosisce... ahahaha
    smaaackkkk

    RispondiElimina
  16. Tesorin tu sei una panificatrice di classe A, ma i comuni mortali di tante farine non sanno che farsene... eh, eh!
    Io però ho quella per dolci e per pasta, è già qualcosa?
    baci cara. Orange

    RispondiElimina
  17. che buoni che devono essere questi crackers:-)
    Annamaria

    RispondiElimina

lascia un segno del tuo passaggio...