domenica 22 febbraio 2009

ridi, ridi...

...che la mama l'ha fato i gnochi!
Sì, lo so che c'è poco da ridere perché sono in ritardissimo, ma è comunque ancora Carnevale! E, ricordate, vi avevo già raccontato del nostro venardi gnocolar! Quest'anno la mamota ci ha preparato gnocchi e fritole giovedì, sapendo che io e la Peponzola il venerdì non abbiamo un secondo di tempo: dobbiamo correre a vedere la sfilata dei carri! Quest'anno abbiamo fatto tardissimo, siamo tornate a casa quasi alle 21, dopo aver ballato e cantato e lanciato stelle filanti e coriandoli e preso al volo un sacco di caramelle! Giusto un toast al volo e a nanna subito... e niente gnocchi del venerdì.
Pazienza. Ci siamo rifatte sabato a pranzo. E senza tanti scrupoli, ogni giorno è buono per papparsi un bel piattone di gnocchi fumanti!

GNOCCHI DI PATATE
500 gr di patate farinose
farina 00 q.b.
un pizzico di sale

Il segreto per fare ottimi gnocchi sono solo le patate. Devono essere quelle farinose e vecie (no patate nuove, troppo acquose) che sono perfette. Tanto per fare un esempio, questa volta su 500 gr di patate (pesate ancora crude e con la buccia) ho usato circa 90 gr di farina, sufficienti per preparare un primo piatto per tre persone morigerate o per due pesone golose.
La Nonna Bruna non metteva l'uovo, e io seguo la sua tradizione: lessare le patate con la buccia (attenzione, segnalo il metodo Berso... rapidissimo con il microonde e devo dire che funziona!), provo la cottura infilzando le patate con la forchetta, quindi le scolo e procedo con l'ustionante pelatura!
Una volta pelate le patate e private di eventuali imperfezioni con un coltellino, le "schiso" (schiaccio) in un ciotolone con l'apposito attrezzo (schiacciapatate) e le lascio raffreddare.
Quando le patate hanno raggiunto una temperatura ragionevole, aggiungo un pizzico di sale e poi la farina un cucchiaio per volta, finché "ne prendono" (traduco letteralmente dal "fin che le ghe ne ciàpa" o "quela che le tòl" della nonna).
Questa volta le patate erano favolose e ho usato solo 80 gr circa di farina per 500 gr di patate (ho pesato la farina apposta per voi, per farmi perdonare di tutte le volte che non sono precisa con i tempi di cottura o le dosi, visto che cucino "a ocio"!).
Una volta impastato per bene, preparare sul piano leggermente infarinato dei rotolini del diametro di circa un cm e mezzo, tagliateli a tocchetti con il coltello e fateli "rugolàr col dielon" (rotolare, con l'ausilio del polpastrello del pollice) sul "dedrìo del pìron" (sui rebbi della forchetta rovesciata) per creare le "righette" sul dorso degli gnocchi, oppure sul "dedrìo" della grattuggia, in questo caso i vostri gnocchi avranno dei simpatici quadrettini (a me piacciono di più con i quadretti, ma la Pepi ritiene che con le righette siano "così eleganti"!).
In una pentola portate ad ebollizione abbondante acqua salata, quando ha raggiunto il bollore tuffate gli gnocchi: quando vengono a galla "càteli su con la schiumarola" (per anni ho pensato che "schiumarola" fosse un termine dialettale per definire il mestolo forato).
Passiamo al condimento, e qui c'è l'imbarazzo della scelta.
I veronesi DOC (carnivori) li apprezzano conditi con la Pastisada de caval.
Un buon piatto di gnocchi fatti in casa è delizioso anche solo con burro fuso con una foglia di salvia e spolverizzati di abbondante parmigiano.
In molti li amano con il sugo di pomodoro, altri con il gorgonzola (abbinato alle noci o alla rucola). Io questa volta ho provato a condirli (oltre che con il sugo di pomodoro) con una fondutina di formaggio Monte. STRASRLURP!

EVIVA EL PAPA DEL GNOCO!

23 commenti:

  1. Quanta farina t ci è voluta?? Io li ho fatti qlc giorno fa..un kilo di patate, 400 gr di farina...non è troppa??

    RispondiElimina
  2. @ Valina - scusami, ho scordato di scriverlo, correggo subito. Queste patate erano meravigliose e ho usato solo circa 80 gr di farina per mezzo kg di patate (pesate a crudo, con la buccia).

    RispondiElimina
  3. Io pure li preferisco al sugo di pomodoro.
    Buon fine carnevale cara. Baci baci
    orangecat

    RispondiElimina
  4. gnoccolona del mio cuore ma come siete belle a far casino a carnevale...dai ora metti il vestitino da sposa in valigia e corri qui...noi carnevale lo festeggiamo sabato 28!un bacione

    RispondiElimina
  5. quest'anno il carnevale è durato fino
    a tardi e mi pare che qui ci siamo date ben da fare a gozzovigliare nehhh...
    bello il metodo di Berso, non lo conoscevo...baciiiii!

    RispondiElimina
  6. Buonissimi i condimenti per questi gnocchi!!
    baci baci

    RispondiElimina
  7. gnocchi forever!!!! con tanto di righine sopra... Complimenti!

    RispondiElimina
  8. Li adoro!!! Col sugo di pomodoro della mia mamma!!! Noi li abbiamo fatti giovedì e li rifacciamo martedì, ma ogni giorno è buono per un piatto così...

    RispondiElimina
  9. Trooooppo buoni!!!e mangiarli fa bene quanto ridere :)
    buon lunedì!

    RispondiElimina
  10. i miei preferiti sono al pomodoro..che buoni...mmmmm brava!!!

    RispondiElimina
  11. wow vi siete date alla pazza gioia...quindi meritatissimi gli gnocchi del giorno dopo ;D
    grazie per il mess su fb sei davvero un tesoro
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  12. mmm che bbbuoniiiii!
    Viva viva il carnevale :-)
    L.

    RispondiElimina
  13. ma Cri..questa cottura delle patate nel microonde è sicura? Io avevo letto che esplodono...e vivo con questo incubo della patata esplosiva...dimmi tu, se non inizio pure io a microondare alla grande...un bacino a te e alla peponzola..

    RispondiElimina
  14. Ah! tu non appartieni al gruppo "burro, zucchero e cannella"! che sollievo...
    Io li ho sempre mangiati col ragù e così mi piacciono molto; però anche col gorgonzola e le noci o con il tocco di funghi, yummm!
    Mia suocera invece li fa spesso a piatto unico con lo spezzatino, ma così a me non vanno: spezzatino grossetto e un po' filoso e gnocco morbidino non li trovo un'associazione positiva.

    RispondiElimina
  15. @ Orangecat - ma ciaaao... allora un piatto al pomodoro per il micio goloso! Baci baci baci
    @ Lo - (ahem, grazie per la gnoccolona...) sabato 28 è impozzibol, mi aspetta una cena goduriosissima. Lo sai che prima o poi arrivo, vero? Non serve la scusa del carnevale!
    @ Astrofiammante - il metodo di Berso è comodissimo, io invece della pellicola uso un apposito contenitore con cui cucino di solito le verdure al micro.
    @ Manu e Silvia - uuhh, possiamo inventarcene ancora tanti di condimenti!
    @ Maya - evviva lo gnocco a righe, per accontentare la Pepi!
    @ Aldarita - stavolta ho preparato il sugo di pomodoro e basilico come lo faceva la nonna, con il soffritto di cipolla, carote e sedano (assolutamente soffritti nel burro!), non lo preparo mai ma con gli gnocchi è perfetto!
    @ Nightfairy - davvero, gnocchi tutti i giorni, in tutte le salse. E poi una fettina di dolce fatto da te, che ne dici?
    @ Saretta - fondiamo il club "Gnocchi Lovers"?
    @ Lisa - potrei parafrasarti, dicendo che non sono brava brava, ma solo "quanto basta" per soddisfare qualche sfizio!
    @ Fra - figurati, cara. Sono molto felice per te... ti seguiremo e ti staremo accanto in questa avventura!
    @ Fastidiosa - evviva il papà del gnocoooo! La Pepi in verità trova molto più elegante la sua forchetta e il suo gnocco tutti pieni di brillanti!
    @ Mikamarlez - io ho provato e non sono esplose. Per sicurezza le ho infilzate con un paio di decise forchettate. Io però non ho provato con la pellicola (non so perché ma non ho ancora avuto il coraggio di affrontarla) ma con apposito contenitore da microonde.
    @ Cristina B. - ti dirò che ho provato ad assaggiarli nella versione cannellosa ma... nooo non fanno per me. Per me il massimo con gli gnocchi fatti in casa è un semplicissimo burro fuso, salvia e parmigiano! Anche la fondutina di Monte Veronese non è niente male...

    RispondiElimina
  16. Da me sono un Must del venerdi sera "uno si - uno no" in periodo invernale.
    Mirabilmente preparati dalle mogli degli Alpini del circolo rionale.
    Allora diciamolo: viva le Gnocche!..pardon: viva gli gocchi!! Ste

    RispondiElimina
  17. Buoni gli gnocchi!!! da me è tradizione condirli con pomodoro, parmigiano e cannella...e c'è anche chi vi aggiunge zucchero ed uvetta!!
    provare per credere!

    RispondiElimina
  18. @ Ste - wow, sta attento a diffondere queste voci: ti potresti trovare un esercito di bloggers golosissime e affamate che bussano alla porta del circolo! Mi ricorda tanto quel che fanno le donne romagnole nei circoli, solo che invece di preparare gnocchi lì sì va di sfoglia e caplèt!
    @ Val - Io ho provato ma non amo il sapore della cannella sul salato... il bello degli gnocchi è che puoi condirli in mille modi differenti, no? Buona giornata!

    RispondiElimina
  19. Ah, gli gnocchi!
    Buoni, buonissimi, li adoro.
    Però non so se questa cosa è successa anche a te, ma le patate che si trovano ora non sono come quelle di una volta.
    Hai voglia a prenderle farinose, gli gnocchi si spappolano di brutto oppure ci devo aggiungere troppa farina e diventan duri.
    Secondo me dipende dalle patate e dal modo di coltivarle di oggi: mi è capitato un anno fa di avere a disposizione le patate di un contadino abruzzese (saccone da 10 kg!), quelle che si coltiva lui come una volta, e ho fatto gnocchi per un'intera settimana, tanto erano buoni!

    RispondiElimina
  20. trovare le patate giuste è un problema meno banale di quanto sembri! Ma che belli i tuoi gnocchi, i miei hanno sempre forme improbabili :P
    Questo fatto che non ci sono le uova è molto interessante....questo consente di mettere ancora meno farine! Da provare, con l'impegno di farli belli come i tuoi. Bacio!

    RispondiElimina
  21. tutti condimenti buonissimi, sul serio ma... io quoto per il sugo! mentre la mia mamma... per cosa?? eh beh, burro e salvia ovviamente! :(

    RispondiElimina
  22. cara, grazie a te ho: scoperto il sito di Matteo che mi sembra molto carino, utile, vario.. e lui anche simpatico! :) e poi insieme ho scoperto il metodo Berso per le patate che proverò assolutamente. Quindi ti ringrazioooooooooo :)
    Ma che belli i tuoi gnocchi Cri! dio mio ... hai usato un'accoppiata di ingredienti che, a saperlo prima, mi sarei introdotta senza permesso a casa tua e mi avrei apparecchiato a tavola anche per me!
    .. il tartufo qui da me, tra parenti e famigliari, non c'è ombra di stima per questo prezioso fungo ... io invece, chissà com'è, lo amo letteralmente. Dal profumo, che mi rapisce in toto, al suo sapore.
    Deliziosi quindi...

    RispondiElimina

lascia un segno del tuo passaggio...