martedì 16 giugno 2009

Peperoncini verdi dolci...

I peperoncini verdi dolci...
La mamota, da quando si è trasformata in appassionata telespettatrice della Prova del Cuoco, li chiama friggitelli (a proposito, anche la Trattoria Muvara li ha serviti oggi!) da non confondersi con i friarielli che sono tutt'altra cosa. Come dice Aiuolik, il nome dice tutto: danno il massimo di sé fritti in padella!

A casa li chiamiamo da sempre "peperoni a sigaretta" come mi ha insegnato la nonna Bruna e poi la mia mamota. Ne sono sempre stata golosissima, fin da bambina. Ricordo che la nonna e la mamma li bollivano in acqua e aceto (la ricettina qui), si condivano con l'olio d'oliva del nostro lago e si mangiavano allegramente con le mani. E grazie al "pòcio" che rimaneva nel piatto sono diventata campionessa mondiale della specialità olimpica di "scarpetta" (applausi)!
Preparati in questo modo si possono pure conservare. Se durano. A casa mia NON avanzano MAI!
La magica Brii li conserva anche così (e meritano, giuro!).

In questo periodo i peperoncini crescono rigogliosi nell'orto dei nonni, domenica mattina alle 6.30 eravamo già chini a raccogliere peperoncini, zucchine, cetrioli, tegoline (che poi sarebbero i fagiolini boby: a Verona li chiamiamo così, e quelli dell'orto dei nonni sono superstellari!). E noi ci facciamo delle gran scorpacciate!

La ricettina che vi propongo oggi è di Radmila, grandissima amica della mia sorellina. Radmila è sempre in giro per il mondo, tuttavia ho avuto la fortuna di rivederla dopo tanti anni in occasione di una cenetta in quel della Val de l'Oco. Radmila ha una passione per il cinema e per la regia... e per i peperoni. A quanto pare li cucina magicamente... e io ho scopiazzato questa ricettina. Semplicissima ma deliziosa.


PEPERONCINI VERDI DOLCI DI RADMILA
peperoni verdi dolci
olio extravergine di oliva
1 spicchio d'aglio
qualche foglia di sedano
mezzo limone
sale&pepe

Distribuite in una larga padella un filo di olio extravergine di oliva, fate saltare allegramente i peperoncini con uno spicchio d'aglio e le foglie di sedano, finché saranno morbidi.
Regolare di sale e pepe.
Prima di spegnere il fuoco, irrorate con il succo del limone, lasciate velocemente evaporare e servite.

20 commenti:

  1. Bellissimo questo post in contemporanea :-)

    RispondiElimina
  2. Questi devo provarli!!!io li mettevo crudi nella panzanella sai?
    Ah passa da me e dammi il tuo parere, se hai voglia!!!
    grazie mille
    baciooo

    RispondiElimina
  3. Questa ricetta è davvero sfiziosa! i peperoni ci piacciono molto e siamo sempre alla ricerca di nuovi metodi di preparazione!
    baci baci

    RispondiElimina
  4. Sono buonissimi fritti, concordo! Però...io li chiamo "friarielli" eh si, non me ne volere, ma dalle mie parti è questo il loro nome :-D

    RispondiElimina
  5. faccio un pochino fatica a trovarli ma sono davvero buoniii..ps: posso partecipare al campionato olimpico di scarpetta?

    RispondiElimina
  6. alle 6.30 eri a raccogliere verdura? e la Pepi con te? ma sei una torturatrice! un bacio

    RispondiElimina
  7. @ Aiuolik - ;)
    @ Saretta - ora devo scappare al lavoro, poi + tardi passo!
    @ Manu&Silvia - allora vi devo presentare Radmila!
    @ Tania - ho letto diverse discussioni in merito, pare che i friarielli siano altro tipo di verdura (che, come dice il nome, si frigge)... di dove sei?
    @ Giò - caspita, vieni a trovarmi che andiamo a raccoglierliiiii!
    @ Lo - no, cara gallina, ho lasciato dormire la Pepi e il Papi (no, non QUEL papi!) e sono uscita di soppiatto. Al ritorno ho fatto in tempo pure a pulire e cuocere le tegoline/fagiolini e quando si sono svegliati avevo pure le brioches per loro (NON per me). Sono ancora una torturatrice??? Baci baci

    RispondiElimina
  8. Mmmh, io li ho sempre chiamati friggitelli. Buoni!

    RispondiElimina
  9. Tutti sui friggitelli ultimamente! La ricetta è molto semplice, ma dev'essere spettacolare!

    RispondiElimina
  10. A casa mia si chiamano friggitelli (papà è campano) e di solito si fanno saltati in padella con olio e pancetta
    Ora vado a leggermi il procedimento per cuocerli con l'acqua e l'aceto e per conservarli
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  11. ma lo sai che ne ho trovato su un vecchio numero di sale e pepe anche una versione ripiena veg?
    quasi quasi mi avete fatto venir voglia

    RispondiElimina
  12. io non so come si chiamano ma li adorooooooooooo!!!
    come li trovo provo la ricetta di radmila
    (bellissimo nome!)
    oh yeah!
    io vado nannus...brii stancaaaa
    baciusss
    piesse. non sei torturatrice...sei golodolcissima!!! :))

    RispondiElimina
  13. Dunque, io sono irpina e da me i "friarielli" sono appunto i peperoni dolci. Qualche km più in là, invece ecco che cominciano i problemi :-D nel senso che vengono chiamati così i broccoletti. Insomma, stessi nomi ma verdure decisamente diverse e parlando con amici napoletani, spesso nascono equivoci divertenti!

    RispondiElimina
  14. che delizia devono essere! mi sa che Paolo per sbaglio li ha piantati nel orto e quando saranno pronti pro vo subito :-) baci

    RispondiElimina
  15. Quanto mi piacciono, rappresentano l'estate del sud, semplici e saporiti!

    RispondiElimina
  16. che meraviglia li ho visti ora da paoletta, li vedo adesso qui da te, e mi sa che li inseguo pure in trattoria muvara! beh, è un segno del destino: li devo comprare :D baci!

    RispondiElimina
  17. Ti ho stanato golosastra ! Che bella ricettina e che bel blog ! Congratulations :-)

    RispondiElimina
  18. @ Vale - facciamo così... pappiamoceli così non dobbiamo pensare a come chiamarli!
    @ Yari - le cose semplici sono spesso le migliori! Evviva!
    @ Fra - vediamo se almeno tu riesci a mtterli nel barattolo. Qui non ce la facciamo proprio!
    @ Enza - yeeeeh, dimmi dimmi, com'è???
    @ Brii - non ci crede nessuno che tu sia stanca, via! Ah, Radmila (detta Radka o Romi) da cui sono stata a cena ieri sera, mi ha detto che lei la ricetta l'ha imparata da tale Maribel, spagola. Devo cambiare titolo al post?
    @ Tania - davvero sei Irpina? Di dove? Io ho dei carissimi amici veronesi di adozione che sono di Conza!
    @ Eli - ma che bellissimo sbaglio!
    @ Dada - eh, le verdure estive sono fantastice. Evocano il sole!
    @ Salsadisapa - assolutamente! Approfittiamo della stagione!
    @ Marilì - ebbene sì! Benvenuta!

    RispondiElimina
  19. Si si :-), sono avellinese, Conza è lontanuccia da me...(in tema di friarielli credo che però non cambi tanto hihihi)!

    RispondiElimina
  20. @ Tania - c'è da provvedere a sistemare la segnaletica stradale: "Benvenuti ad Avellino, attenzione qui si mangiano friarielli" (con la fotina del peperoncino)!

    RispondiElimina

lascia un segno del tuo passaggio...