venerdì 22 agosto 2008

Golosastrerie!

L'altra sera in preda ad un raptus golosastro, invece che cucinare due patate al vapore da accompagnare ad un po' di formaggio per una cena leggera (sì, lo so, fa molto mensa dell'ospedale...ma ogni tanto ci vuole), mi è saltato in mente di preparare le patate fritte VERE, come quelle che mi faceva la mia nonna Bruna quand'ero bambina: quelle tagliate a fettine rotonde. Che delizia!
E, visto che c'ero, ho sfruttato i fiori di zucchina, raccolti il giorno stesso nell'orto dei nonni, per delle sfiziosissime frittelline. E dulcis in fundo, ho preparato pure il gnocco fritto (con la scusa che c'era un bel pezzo di crescenza da finire!). Ah, io non uso lo strutto per friggere il gnocco (mi scusino gli emiliani DOC, ma ho questo brutto difetto di essere vegetariana...).
Insomma, una cena leggera. E neanche un pochino di odor di fritto in giro per casa (che schifo! La mia casa ha davvero una pessima aerazione, per questo friggo una volta l'anno e poi me ne pento!). Ecco un paio di ricettine, fatte a modo mio.


FRITTELLE DI FIORI DI ZUCCHINA

Pulite bene i fiori di zucca, lavateli e asciugateli (ocio a formiche e bruchetti...).
Mettete la farina in una terrina, aggiungete un pizzico di bicarbonato e diluitela, con l'aiuto di una frusta, aggiungendo pian pianino l'acqua frizzante freddissima (da frigo) fino ad ottenere una pastella liscia ed omogenea.
Lasciate la ciotola con la pastella immersa in una ciotola più grande con cubetti di ghiaccio, in modo che la pastella rimanga ben fredda!
Immergete in questa pastella i fiori di zucca e mescolate delicatamente, prestando attenzione a non romperli.
Portate a temperatura del buon olio per friggere (meglio se di oliva).
Prelevate dalla ciotola,con un cucchiaio da tavola, i fiori di zucca con una cucchiaiata circa di pastella e gettateli nell'olio ben caldo, rigirandoli di tanto in tanto finché non saranno ben dorati.
Scolate le frittelle, lasciatele asciugare su un foglio di carta da cucina e salatele. Servitele calde!


Ah, dimenticavo una delle golosità preferite della mia Pepi e anche della sottoscritta, fin da piccina: i "peperoni a sigaretta" (credo che la qualità di chiami "lungo del Veneto" o qualcosa di simile). I nonni non ne piantano sempre un bel po' nell'orto perché sanno che poi vanno a ruba (letteralmente: se non li raccogliamo al volo, qualcuno che passa di lì provvede a farli sparire. Sgrunt!)
Ne andiamo davvero tutti pazzi di questi peperoni che sarebbero perfetti da conservare per l'inverno, ma chi ci riesce a non papparseli tutti subito?
Voilà la preparazione, semplicissima.


PEPERONI A SIGARETTA SOTT'OLIO

Pulire i peperoni.
Portare ad ebollizione (in una pentola di proporzioni adeguate alla quantità di peperoni) dell'aceto bianco con una pari quantità di acqua e sale.
Quando si alza il bollore, gettate i peperoni e lasciateli bollire qualche minuto (io li preferisco un po' morbidini) scolateli con una schiumarola e lasciateli sgocciolare bene.
Se li mangiare subito, condite con ottimo olio extravergine di oliva e consumate quando sono tiepidi (buoni anche freddi) e non dimenticate di fare scarpetta per gustarvi l'olietto buono.
Se li volete conservare, attendete il giorno dopo quando si saranno asciugati e sistemateli nei vasi ben puliti, aggiungete aromi a piacere (io di solito aggiungo timo) coprire bene con olio extravergine di oliva.
**********
piesse - grazie alla cara Lo, sono riuscita a fare questo collage di fotine che vedevo in giro, e che mi piacciono assai. Se volete provare, fate un giretto su BigHugeLabs!

25 commenti:

  1. Ciao, tu hai mangiato tutte le mie frittelle di zucchina ed io ho mangiato tutti i tuoi fiori di zucca. Che bonta!!

    RispondiElimina
  2. Ma che carino il tuo blog! Complimenti!!!

    RispondiElimina
  3. Ciiaooo!!!Oddio lo gnocco fritto.. che buono!!! alla faccia della cenetta.. questa è na roba seria!

    RispondiElimina
  4. un po' di trasgressione alle cose sane e leggere ci diverte.....e qui mi pare ci siamo divertiti alla grande ehhhhh! son tornata e passo a salutarti... ci sentiamo? bacioni e a presto!

    RispondiElimina
  5. ahh...il gnocco fritto! una delle cose più buone che ci sono!

    RispondiElimina
  6. Ciao golosastra,
    ma quante cose buone, da leccarsi le dita! con quei peperoni la scarpetta è d'obbligo!
    baci e buona domenica

    RispondiElimina
  7. Ma le patate lesse che fine hanno fatto????

    Vale la pena incensarsi un po' di fumo di frittura per mangiare quelle frittelle di fiori di zucchina e le "vere" patatine :)

    Mi sa che quei peperoni a sigaretta soni i friggitelli campani cho ho in abbondanza...ci farò un pensierino!

    RispondiElimina
  8. Ciao! Ricambiamo i complimenti per il blog e ti aggiungiamo ai nostri link... molto sfiziose le frittelline! E che passione per le vere patate fritte.... A presto!

    RispondiElimina
  9. @ Roberta - le tue frittelle di zucchine...ancora ci sto pensando!
    @ Susina - grazie, sei la benvenuta!
    @ Maya - ehem, pensa che doveva essere una cenetta leggera!
    @ Astrofiammante - bentornata! Ce la faremo a trovarci per un caffettino?
    @ Micheblog - gnocco e tigella li mangerei fino a scoppiare!
    @ Babi - la scarpetta per me è un'istituzione, uno dei piaceri fondamentali nella vita!
    @ Ciboulette - le patate che dovevano essere cotte al vapore hanno cambiato strada e sono finite in una padella! Per i peperoni: ho linkato un sito dove ci sono le diverse varietà, non so se corrispondono ai friggitelli, ma mi pare che somiglino comunque un bel po'.
    @ Golosotopi - caspita, anch'io devo un po' aggiornare il mio elenco... devo vincere la pigrizia!

    RispondiElimina
  10. mmm... ke buono complimenti!!!
    baci veronica

    RispondiElimina
  11. uauuu che buoni gli gnocchi fritti con i fiori di zuccaaaaaaaa! Mi hai fatto venire un'acquolina in bocca! Adoro tutte queste coseee!
    p.s. grazie dell'indicazione per fare i collage di foto, li vedo ovunque e non riuscivo a farli! ora provo anche iooooooo! baci L.

    RispondiElimina
  12. Anchemia nonna mifaceva le patate fritte e le costolette di alla brace quando mi voleva dare qualche vizio.
    Lo gnocco fritto mi piace molto, i fiori di zucca pure e me li mangio i peperoni no perchè mi fanno male!!!!
    Brava!!!
    Grzia

    RispondiElimina
  13. Non mi posso allontanare un attimo che ti dai alle fritture sfrenate, alle torte vintage, ai mojitos...
    Ma, soprattutto, com'è possibile che per la ricetta della tortilla de patatas non ti sia ispirata a me ma a quei pazzarelloni sgrammaticati (a quanto ho capito sono studenti-stranieri-di spagnolo all'università di barcellona )?
    Sono offesissima! ;-)
    Comunque lodevole, e immagino anche gustosa, la tua versione light, soprattutto per le buone intenzioni ipocaloriche, anche se la vera tortilla (che non è catalana!) dovrebbe essere più alta. Per questo, checchè ne dicano i tuoi studenti, la patata va tagliata a tocchetti piuttosto grossi che devono rimanere croccanti.
    Ok, ho finito con le ramanzine! Tralaltro sono tornata da poco dal mio 124esimo viaggio in Spagna, e prometto di postare presto la ricetta del buonissimo Salmorejo Cordobés!
    Baci, anzi besos!

    Ps. Già che siamo in vena di ramanzine (e di crisi abbandoniche): quando ti decidi a linkare anche me?!? Core ingrato!
    Cuoca Precaria e Abbandonata

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Ops! Il commento, già spropositatamente lungo e noioso, mi si era pure pubblicato due volte!
    Il doppione l'ho cancellato, che uno basta e avanza!
    Ciao e scusa il rimbambimento!
    CP

    RispondiElimina
  16. Ciao Golosastra,
    ma il tuo blog è veramente bello e le ricette golossisime (da bavetta alla bocca): complimenti a profusione!
    Di sicuro ti metterò tra i miei preferiti.
    Se ti va' fai una passatina da me.
    A presto.
    Barbara
    arcicuoca.blogspot.com

    RispondiElimina
  17. Se passi da me c'è un regalino per te..

    RispondiElimina
  18. belle ricettuzze...complimenti!!!ifiori di zucca poi...sono il massimo fritti!!!ma possibile che noi qst'anno nn ne abiamo mangiao neanche uno??? bà, strano...

    RispondiElimina
  19. Ciao, da poco leggo il tuo blog e mi piace molto!
    Se vuoi passare da me, c'è un premio per te!
    Ciao e buon week end!

    RispondiElimina
  20. @ Veronica - ciao a te e grazie della visita!
    @ Fastidiosa - stessa cosa, ho provato (invano) con il faidate, ma finalmente è arrivato il suggerimento!
    @ Mammazan - anche a me i peperoni danno un pochino fastidio...ma ne sono golosissima e ogni tanto me li concedo!
    @ Cuoca Precaria - usti, devo rimediare subitissimo... sono troooppo pigra, porcamiseria!
    @ Barbara - ehehehe sono già passate... brava, brava!
    @ Maya - UN REGALINO! Ma che bello arrivoooooooooooooooo!
    @ Pawèr+Littlefrog - anche per me erano i primi di quest'anno, stavolta non ho proprio resistito!
    @ Luciana - ma che bello, un altro regalino! Che bella giornata! Grazie a tutte!

    RispondiElimina
  21. Da provare proprio per portarsi dietro un po' di estate

    RispondiElimina
  22. Qui a Roma mettimamo mozzarella e filetto d'acciuga sott'olio nei fiori di zucchina. Ma anche mozzarella e speck o un gambero intero ci stanno bene.
    Ale

    www.zenpercaso.splinder.com

    RispondiElimina
  23. queste frittele sono un vero attentato alla mia golosita'!!!
    ottime ;)

    RispondiElimina
  24. E$' da parecchio che non facciamo più una bella cena a base di fritturine sfiziose!!!! Tocca rimediare :-9 Buona serata Laura

    RispondiElimina
  25. E' proprio vero che dalla blogsfera si ha solo da imparare :-)

    RispondiElimina

lascia un segno del tuo passaggio...