mercoledì 3 giugno 2009

Resta di stucco, è un barbatrucco!

Fino a qualche mese fa ero convinta che per preparare i muffins ci fosse almeno un ingrediente irrinunciabile: le uova.
Ora, siccome si fa di necessità virtù, e in questo momento la Golosastra ha la necessità di privarsi delle uova e dei latticini in genere, deve inventarsi qualche virtù perchè è pur sempre una Golosastra nell'anima. Come dire... se il lupo perde il pelo ma non il vizio, la Golosastra rinuncia a uova e latticini, ma MAI e poi MAI alle golosità!
Così, spulciando nei vari blog e siti a tema "vegan", ha scoperto che si possono preparare i muffins senza uova e senza latte! Ho tentato già qualche esperimento, prima con la farina di cocco, poi quelli con le noci pecan... buoni!
Ieri due banane maculate mi guardavano in un modo inquietante... EUREKA! Da qualche parte avevo letto che anche le banane potevano diventare un eccellente sostituto dell'uovo nella preparazione di vegandolci.
Et voilà, se consideriamo che ho tonnellate (!) di cioccolato pasquale avanzato... les jeux sont faits!

Peccato non aver avuto una bella candelina... perché ci sarebbe da festeggiare Comida!
Buon blogcompleanno, di cuore <3 perché te lo meriti, perché sei speciale!


MUFFINS VEGAN AL CIOCCOLATO
2 banane mature
1 tazza di farina 00
1 tazza di farina integrale
1/2 di tazza di latte di mandorle
3/4 tazza di zucchero di canna
2 cucchiai di malto di mais
1/2 tazza di amido di mais
1/2 tazza di olio di semi di mais
1/2 bustina di cremor tartaro
1 punta di cucchiaino di bicarbonato
1 pizzico di sale (che io mi sono dimenticata...)
80 gr di cioccolato fondente

Nella suddivisione "classica" degli ingredienti da muffins (secco-umido) sono andata in crisi per un istante, poi ho considerato che due banane maculate che vanno spiaccicate con la forchetta sono decisamente da annoverare tra gli ingredienti umidi!
Nella ciotola delle banane spiaccicate ho aggiunto l'olio, il latte di mandorle e il malto emulsionando bene bene con la forchetta.
In un'altra ciotola ho mixato le due farine e l'amido, aggiunto il cremor tartaro e il bicarbonato (mi sono clamorosamente scordata del sale, pazienza) e ho grattuggiato il cioccolato fondente (tenendone da parte un quadratino).
Ho mescolato il contenuto delle due ciotole rapidamente.
In uno stampo da 12 muffins ho posizionato le pirottine, suddiviso l'impasto e infornato a 175° circa (forno ventilato) per una ventina di minuti.
Una volta sfornati, ho grattuggiato il cioccolato sul cocuzzolo di ogni muffin ancora caldo!



piesse - secondo voi ho fatto bene ad "etichettare" questa ricetta come "Light"?
piessebis - andate a vedere i cherrymuffins di Paoletta, e fate tesoro dei suoi consigli!