sabato 18 aprile 2009

Grattis på födelsedagen!

Il titolo del post non è un messaggio in codice. Non è neppure uno spot pubblicitario dell'Ikea. l simpatici pallini sulle A sono per augurare un superfelice compleanno* all'inarrestabile Brii!
*(dovrebbe essere una specie di "buon compleanno", almeno spero. Ahimé lo svedese proprio non lo so!)

Per celebrare il suo compleanno sarebbe più indicata una bella torta, lo so. Ma dobbiamo disintossicarci, no? E quindi oggi pranzetto vegan per tutti. E non storcete il naso, perché anche senza utilizzare né uova né latticini possiamo gustarci dei piattini appetitosi.

Per esempio queste polpette radicchio e nocciole, preparate con l'ultimo radicchio della stagione (una sorta di arrivederci al prossimo inverno).
Ho sfruttato la ricetta di Remy, utilizzando (al posto delle zucchine) dei cuoricini di radicchio rosso di Verona, tritati a crudo con il mixer, aggiunendo le nocciole tostate, i fiocchi di 6 cereali già usati per le polpette porri&zucchine, . Sono sfiziosissime, il croccantino della nocciola stuzzica il palato che è una meraviglia! Le ho cucinate sempre con il crisp, qualche minuto per lato con un filo quasi invisibile di olio extravergine. Deliziose!

Altra scoperta è la fintafrittata. Finta perché di uova non c'è neppure l'ombra. In realtà potrebbe essere una farinata, ma non è cotta nel forno ma nella padella!

Sperimentata grazie ai suggerimenti preziosi trovati in questo blog.

VEGANFRITTATA DI ZUCCHINE
Ingredienti base per la farin-frittata di ceci (per due persone circa):
100g di farina di ceci
un cucchiaio di olio extravergine d'oliva
sale&pepe
acqua. q.b.

inoltre:
2 zucchine
1/2 scalogno
dado vegetale
olio extravergine di oliva
erba cipollina


Incorporate dell'acqua poco per volta alla farina di ceci, mescolando fino ad ottenere una pastella diluita, simile a quella delle crêpes.
Mescolate con una frusta per eliminare i grumi e fate riposare per almeno un'ora.
Nel frattempo pulite ed asciugate due belle zucchine, grattuggiatele con la grattuggia a fori larghi e rosolatele in una padella con un filo di olio extravergine e 1/2 cucchaino di dado vegetale finché saranno ben dorate.

Quando la pastella avrà riposato a sufficienza, scaldate bene la padella delle zucchine e versate la pastella.
Fate rapprendere bene da un lato, fino a doratura e poi giratela per farla cuocere bene anche dall'altra parte. Spolverizzate, se vi piace, con erba cipollina fresca tritata.
Forse avevo messo troppe zucchine e ho fatto un po' fatica a girarla, ma con l'aiuto di un piatto ho risolto l'impasse.
piesse - l'ho pure provata in un panino con un po' di salsa zingara, uno spettacolo!
La prossima volta (quasi quasi già stasera) la provo con le patate! Yessss!