lunedì 4 febbraio 2008

Le Fritole della Mamota...


...è carnevale! Ve ne siete accorti? Quest'anno è arrivato un po' de scondon, devo ammettere che quasi quasi non ero preparata.

Ma la mia mamota sì! E ci delizia con le sue produzioni golose.
Il post è dedicato a lei e alle sue Fritole, e ai ricordi di infanzia che il profumo di questi dolci (che, con le Castagnole, si preparano solo nel periodo di Carnevale) riesce ad evocare.
Il Carnevale è sicuramente uno dei periodi dell'anno che da piccina amavo di più: mi piaceva travestirmi e soprattutto truccarmi (vanità che non mi sono portata appresso con il tempo), la gioia di andare a vedere i carri il venardi gnocolar, i coriandoli, le stelle filanti e manciate di caramelle da prendere al volo... e le giornate che pian piano si facevano più lunghe e luminose, preludio della primavera ormai alle porte.


Grazie Mamota! E' anche per queste cose che ti vogliamo tanto bene!
Un plauso speciale a Nonno Lallo, il tuttofare, oggi nella veste di "friggitore ufficiale". Sei stato proprio bravo!






FRITOLE

1 kg farina 00
5 uova
2 bicchieri di latte
300 gr di zucchero
1/2 bicchierino di Grappa
1 bustina di lievito per dolci
4 mele
150 gr uvetta sultanina
scorza grattuggiata di un limone e un arancia
un pizzico di sale

In una terrina amalgama la farina con le uova, il latte e lo zucchero; aggiungi al composto ottunuto il sale e l'uvetta sultanina (precedentemente ammollato in acqua tiepida con un cucchiaio di grappa), le mele e la scorza di limone e di arancia grattugiate.
Amalgama con cura fino ad ottenere un composto piuttosto omogeneo; aggiungi per ultimo il lievito e la grappa.
Lascia riposare un'oretta il composto.

In una ampia padella porta a temperatura di ebollizione l'olio e versa a cucchiaiate l'impasto precedentemente ottenuto. Attenzione: non riempire troppo la padella, le frittelle dovranno galleggiare nell'olio. Gira le frittelle una volta che il lato immerso nell'olio avrà raggiunto un bel colore dorato scuro; completa la cottura dell'altro lato quindi scola le frittelle ponendole su un doppio foglio di carta da cucina assorbente. Spolvera le frittelle con lo zucchero semolato.
------------------------------



INNO AL PAPA' DEL GNOCCO

Composto nel 1927 da Berto Barbarani e da Gianni Monicelli, musicato a 4 voci dal M.o Carmelo Preite e cantato in Arena durante la cerimonia dell'incoronazione.


Sona el Rengo! - El nostro canto
par l'Arena se despande.
e l'è questo un giorno grande
che in la Storia restarà...

Finalmente, o Papà Santo,
della piassa la Madona,
la se cava la corona
Te sì el Re de la cità!!!

T'eri morto par 'na finta
ma no mai par la to gente
che g'à el Baldo (e la lo sente)
e San Zen par protetor.

Anca st'ano l'emo vinta
col favor de bona stela
e de Marco Paparela
degno e forte batidor!

Ti vegnù da la contrada
che g'à el burcio come stema,
con la man che mai non trema
te dispensi vita e umor!

Lavandar de gran bugada
no te adopari malissia,
la passion te meti in lissia,
te resenti ogni color.

Gloria e gloria!
In fin che negro
Bate el Rengo venerando
leva in segno de comando
el gran gnoco sul piron.

Alto el gnoco, forte e alegro
par che el diga a tuti quanti:
Veronesi - Forsa - Avanti!
sempre alegri e mai passion.

3 commenti:

  1. Grazie per aver partecipato alla mia raccolta!
    A presto!

    RispondiElimina
  2. ma....
    qui mi si apre un mondo:
    1-ho sempre pensato si chimassero frittole (con doppia T)
    2-non me le immaginavo così, le ho sempre sentite nominare e non le avevo mai viste
    3- anche da noi si fa una roba del genere, noi le chiamiamo castagnole, anche se da noi tutti i dolcetti fritti di carnevale sono le castagnole
    4-che strano sentire che il carnevale viene festeggiato il venerdi', non risco proprio ad abituarmici e quest'anno spero di venire a farmi un giro per la prima volta, il quinto anno che abito qui.
    Da noi si festeggia il martedì e un po' anche il giovedì grasso, ma il carnevale per noi è il maretedì grasso e da noi gli gnocchi non hanno nulla c he vedere con il carnevale, che strano....

    RispondiElimina
  3. Anche la mia nonna fa le frìtole, anzi, già le ha fatte e già sono evaporate! :D

    RispondiElimina

lascia un segno del tuo passaggio...