domenica 15 giugno 2008

Evviva la pizza!

Chi mi conosce sa quanto io adori alla follia la pizza, me la mangerei anche a colazione.
Non scherzo! In passato l'ho già fatto. Ricordo per esempio le colazioni all'Abetone, al Lupo Bianco, prima di iniziare la giornata sulla neve: gli altri pocciavano la brioche nel cappuccino, io mi mangiavo un paio di strepitose pizzette con una spremuta d'arancia. Pronti, via!
Per dirla tutta, io sono golosissima non solo di pizza ma pure di pane, focaccia e affini. Ma la pizza "vera", quella tonda della pizzeria, cotta nel forno a legna... è per me la numero uno.
Forse anche perché non è (generalmente) una di quelle pietanze che puoi imitare a casa. Faccio spesso la pizza a casa, ma non mi soddisfa come la tonda.
Da un po' di tempo leggevo "quaellà" nei vari blog la tecnica di impasto con il poolish. Che diavoleria mai sarà? Le prime volte che leggevo questo termine la mia mente viaggiava tra immagini di paste lucidanti per la carrozzeria dell'auto, smalto per le unghie, lucido per scarpe e altre amenità affatto appetitose.
Ma quella O in più fa la differenza.
La mia mamota ieri mi aveva chiesto la pizza per il pranzo di oggi. E ho fatto l'esperimento.

Non ho MAI MAI MAI fatto una pizza così buona. Leggera, fragrante, sottile sottile ma con un bel bordino ciccettino (fuori scrocchiarello, dentro morbidino).

Ringrazio, tra i tanti che postano ricette con il poolish, in particolare Adriano (io ho seguito le sue indicazioni, dimezzando le dosi). Ora VOGLIO un forno a legna. No, dai mi basta una pietra refrattaria. O una piastrella del bagno? Su questo attendo lumi da Adriano in merito all'utilizzo della mattonella in gres.

Con le dosi dimezzate ho ottenuto 4 bei panetti, da cui ho preparato 2 semplici pizze margherita, una pizza pomodoro, mozzarella e melanzane grigliate e una pizza "vegetariana" con pomodoro e mozzarella e verdure grigliate (melanzane, zucchine e peperoni gialli).

Doverosamente confesso di aver saltato il passaggio dei panetti in frigo (credevo fosse solo un modo per conservarli fino al momento dell'utilizzo), poi ho letto tra i commenti al post di Adriano che si tratta invece di un passaggio fondamentale perché consente la maturazione dell'impasto. Anche se non so bene che significa, la prossima volta sarò rigorosissima.

Inoltre confesso che rifarei la pizza anche per domani... ma la d***a prosegue, non si può sgarrare ancora!

piesse - devo trovare un vangelo che mi spieghi tutte le menate sulla forza dei vari tipi di farina. Quando leggo alcuni blog e/o siti di esperti panificatori il mio unico neurone va in panne!

14 commenti:

  1. Sono esattamente come te! Stasera è avanzato uno spicchio di pizza e pertanto ho messo ben in chiaro con i miei ominidi che quella sarà la mia colazione di domattina!!!
    Anche io utilizzo il metodo di Adriano e cuocio nel Fornetto Ferrari che mi da molta soddisfazione (pensavo di aver preso l'ennesima carcavella inutile ed invece funziona!!!) Buona serata Laura

    RispondiElimina
  2. Io vivrei di pizza...no davvero se uno mi dicesse di scegliere un unico alimento per il resto della mia vita non ci sarebbero dubbi: pizza! Quindi grazie per la segnalazione, il prossimo esperimento sarà col poolish (poi se non funziona posso sempre utilizzarlo per pOlire i pavimenti!)
    Un bacione e buona settimana
    Fra

    RispondiElimina
  3. Ciao!Ddevo farti i complimenti x il blog interessantissimo...mi sono linkata perchè hai davvero degli spunti bellissimi!
    Buona giornata
    Saretta
    PS:davvero un capolavoro sta pizza!

    RispondiElimina
  4. ti volgio dare una bella notizia, la pizza la puoi mangiare anche con la dieta, purche sia un piatto unico al quale puoi aggiungere una macedonia ma senza gelato! Importante e che sia una pizza margherita, ovviamente non tutti i giorni ma quando vuoi, si

    RispondiElimina
  5. Giallo Zafferano16 giugno 2008 16:14

    Salve,

    Sono Deborah di Giallo Zafferano e ti contatto per proporti di partecipare al nostro concorso culinario!

    Se sei creativo ed estroso e vuoi metterti alla prova sfidando altri Blogger e Forumisti del nostro sito questo concorso fa al caso tuo.
    Reinventa la classica ricetta della “Insalata di pasta” personalizzandola seguendo i tuoi gusti, sperimentando o, perché no, azzardando nuovi accostamenti e cerca di impressionare la nostra giuria Vip!
    In palio per il vincitore c’è un meraviglioso premio!

    Partecipare al contest è semplicissimo, tutto quello che devi fare è inviare una mail di conferma a info@giallozafferano.it con il nome del tuo Blog, registrarti sul nostro Forum e postare la tua ricetta (una descrizione, la foto ed il link al tuo Blog) nella sezione dei Blogger entro e non oltre la mezzanotte di Domenica 13 Luglio.
    La ricetta completa, invece, dovrà essere postata sul tuo Blog, in modo che anche i tuoi “seguaci” possano vedere cosa hai combinato, con un link di rimando al Forum di Giallo Zafferano.
    Tutte le ricette postate oltre la data e l’ora di scadenza non saranno considerate ai fini del giudizio finale.

    Al termine del tempo di consegna, una giuria di Vip si riunirà e deciderà quale è stata la reinterpretazione più bella e fantasiosa dell’estivissima “Insalata di pasta”.

    Se deciderai di partecipare al concorso, noi di Giallo Zafferano ti invieremo un simpatico gagliardetto da apporre in Home Page che attesta la tua partecipazione alla gara.
    Ovviamente, tutti i nostri numerosissimi utenti saranno invitati a fare un giro nelle cucine virtuali dei vari Blog partecipanti ed a lasciare dei commenti alle ricette in lizza per la vittoria.

    Ti piace l’idea?
    Allora affrettati a confermare la tua partecipazione entro il 7 Luglio! Più siamo e meglio è!

    Per maggiori informazioni puoi consultare il Regolamento Completo presente sul nostro Forum.
    Restiamo a disposizione per ulteriori domande o chiarimenti.
    Saluti

    RispondiElimina
  6. che buona la pizza buonissima anche questa fatta con la pasta per lucidare la macchina....wowow io la faccio con l apasta amdre...ma non ho le tegliette tonde...che devo comprare sisisisisi...però ho il forno rotto sciaguuuuuuura!un bacio splendida

    RispondiElimina
  7. Ciao, complimenti sia per il blog che per la ricetta!!! Anche io adoro la pizza e le assaggerei tutte...Ho sempre tentato di riprodurre l'impasto giusto come quello della pizzeria ma non ci sono mai riuscita quindi proverò di sicuro la ricetta confidando nella buona riuscita anche se penso che la tua bravura incida non poco. ciao

    RispondiElimina
  8. Intanto mi unisco alla squadra dei colazionisti salati. Toast o pizzettina al mattino, più spremuta e vaia alla grande.
    Poi...avevi dubbi nel rifare una ricetta di Adriano? è un mago nel campo dei lievitati, non poteva che uscirne una bomba!

    RispondiElimina
  9. Anche tu sei una sciatrice? Anch'io, piacere!!! Con me sfondi una porta aperta, io la pizza la mangerei sempre anche a colazione proprio come te... Complimenti dalla foto sembra davvero perfetta!
    Baci e buona giornata! :D

    RispondiElimina
  10. Anche io adoro la pizza, tutte le occasioni sono buone o perlomeno una volta alla settimana. Con le verdure poi, che bona!!!! Complimenti sembra veramente quella delle pizzerie! E brava!

    RispondiElimina
  11. Ma ma...hai un blog carinissimo, come avevi fatto a sfuggirmi finora? meno male che sei passata a trovarmi, non ti ringraziero' mai abbastanza...e' un piacere leggere le tue 'menate'!!!

    RispondiElimina
  12. meraviglia!!anche io mi sono studiata quel post di adriano e stavo aspettando (ma cosa poi!?) di prepararla...
    che bbbbbuonaaaaaaa

    RispondiElimina
  13. ehi c'è un premio per te...e un bacio!

    RispondiElimina
  14. @ tutti - arrivo un po' in ritardo a leggere tutti i vostri piacevolissimi commenti, chiedo umilmente perdono (in particolare a Deborah di Giallozafferano, ringraziandola per il cortesissimo pensiero. Ahimé temo di non essere così estrosa ed originale nelle mie ricette...sicuramente qualcuno più fantasioso di me si sta godendo il meritato premietto!).
    @ Lo - ohiohi un premio! SOno appena stata da te ma ritorno otra vez! Ah... anch'io non ho le tegliette tonde, ma con questo impasto riesco a fare le pizze tonde roteando perfino la pasta in una buffa imitazione del pizzaiolo autentico (giuro, non si rompe! Però trovo la farina anche sul parquet della camera da letto!!!)

    RispondiElimina

lascia un segno del tuo passaggio...