venerdì 26 dicembre 2008

Parlami di te.


Lo, mia dolce, deliziosa gallinella.
Il tuo invito è qui acccanto a me: la mia immaginazione lo vede su carta a mano scritto con una bel tratto di stilografica, con il sigillo di ceralacca delicatamente violato per poterlo leggere.
Giace sulla mia scrivania (che in realtà è poco più di una mensolina), accanto al notebook, con tutte le mie preziosissime cartaccie, i post-it con i numeri di telefono, gli appunti su fogliettini volanti, i disegnini della mia Pepi e le matitine dell'Ikea.
L'ho lasciato decantare come si fa con il buon vino, quello che deve invecchiare bene per essere gustato nel pieno del suo sapore. Senza fretta. Non l'ho dimenticato.
Solo che, come ti sarai accorta da quanto frequenti questa mia seconda casa, non brava come te a raccontare me stessa e il mio mondo nel mio blog.
Mantengo ancora una certa timidezza, forse un po' di pudore, nello scrivere di cose molto intime e molto personali.
Solo qualche rapida pennellata, qualche accenno di vita quotidiana.
Nella vita "vera" chi mi frequenta e mi conosce sa che sono una valanga di parole ambulante, ma bastano poche frasi per aprire il mio cuore e le riservo a poche persone.
Sono una logorroica, anche con la penna in mano (beh, in questo momento con la tastiera).
Tempo fa il diario, quello delle confessioni serali alla fioca luce del faretto vicino al mio lettino, era per me una sorta di cisterna (dal greco kistê, contenitore) in cui raccogliere il fluire dei miei pensieri, il mio vissuto, le mie emozioni.
E proprio come avviene nei periodi di siccità, talvolta sentivo la necessità di abbeverarmi del prezioso contenuto della cisterna. Nei periodi in cui il paesaggio intorno a me sembrava arido, le parole conservate nel diario abbeveravano il mio giardino. Poi arrivavano periodi pieni e floridi e misteriosamente il diario veniva abbandonato. Non mi semrbrava di avere più tempo per raccogliere l'acqua. Troppo impegnata a vivere intensamente ogni istante della mia giornata.
Da tempo non scrivevo più, fatta eccezione per un periodo della mia vita in cui partecipavo ad un laboratorio esperienziale psicopedagogico, condotto dalla splendida Barbara Cei (che spero possa leggere queste parole, perché non ne ho mai abbastanza per esprimerle la mia gratitudine per il cammino speciale fatto insieme).
Il blog (che di fatto viene considerato un diario-in-rete) è nato per caso: il mio adorato Presidente aveva da qualche mese aperto il suo blog, e mi stuzzicava inviandomi link di deliziosi foodblog con foto spettacolari, ricette meravigliose, racconti particolarissimi e parole seducenti.
In effetti ci avevo già messo il naso in qualche blog. Non sapevo neppure che esistessero, fino a quando, cercando la ricetta di un dolce greco, ho googlato "Baklava" e sono entrata nel dolcissimo mondo dell' Apemaia. E da lì un link tira l'altro e ho visto blog di ogni sorta.
Internet mi piace, mi attira, mi diverte e mi sorprende. Una finestra (infinita?) sul mondo, che apri a tuo piacimento per vedere cosa c'è di bello (e di brutto, ahimé) là fuori.
Navigo in internet da... ohmammamia, chi se lo ricorda? Credo più o meno da 10 anni.
Nel periodo in cui sono stata fuori Italia è stata la mia voce (tramite messenger) con i miei amici a casa. Vabbé, solo con quelli tecnologicamente più evoluti...
Ho imparato tutto da sola, smacchinando (e smadonnando) finché non riuscivo a fare quel che mi serviva.
Ebbene, un po' per noia e un po' per gioco in un freddo sabato pomeriggio di febbraio ho azzardato il passo e sono entrata in blogger.com.
Che paura. E se poi non sono capace di fare un post? E se poi mi incasino tutta come al solito? E se poi abbandono la baracca, visto che sono così brava ad iniziare grandi opere che poi mi annoio a portare a termine?
Vabbé ci ho provato. E sono ancora qui.
Il mio blog non voglio considerarlo come il diario di un tempo: è una sorta di quaderno degli appunti golosi, un quadernino di ricette da condividere, da consultare (vi giuro che mi autoconsulto spesso e volentieri). Una casa dove c'è un divano comodo e un grande tavolo di legno, un tappeto con i cuscinoni, dove bere un caffé insieme e scambiarci opinioni, consigli, dritte (senza di voi come avrei fatto a risolvere il mio annoso conflitto con la zucca?).
Il blog è un percorso, un cammino che non so dove mi porterà.
So per certo, però, che strada facendo ho avuto la fortuna di conoscere "virtualmente" persone speciali. Poi, diciamocela tutta, queste persone speciali non sono solo un link, un post, un commento.
Sono PERSONE VERE in carne ed ossa, con una voce, un profumo, una risata che ti apre il cuore.
Ed io ho avuto l'immensa fortuna di conoscerne alcune, abbracciarle, condividere piacevoli momenti, immense chiacchiere, far parte per qualche ora della loro vita.
Capire che alla fine questo mondo non è poi tanto virtuale è semplicemente meraviglioso.

Non so se è una mia stranezza o capita anche ad altri.
Inizialmente ho detto a pochissimissime persone (che si potevano tranquillamente contare sulle dita di una sola mano!) che esisteva il blog. Era ed è uno spazio "mio".
Aperto a tutti, ma non pubblicizzato agli amici.
Non ho mai cercato la pubblicità per avere più visite, più commenti, più "fans".
Ancora oggi sono titubante nel "confessare" la mia seconda vita da Golosastra. Forse anche arrossisco un po' quando qualcuno annuncia a gran voce, indicandomi: "Sai, lei ha un blog di ricette, vai a vederlo, cerca La Golosastra su google!".


Ah, non ho mai spiegato perché si chiama LaGolosastra.
Vi ricordate la pubblicità delle Girelle? Il Golosastro se le voleva mangiare tutte!



6 commenti:

  1. che bel racconto, è un profilo delicato e sensibile di te :-))
    auguri di cuore mia golosastra preferita!

    RispondiElimina
  2. Criii, abbiamo fatto la stessa cosa nello stesso tempo....solo che tu hai ancora "una certa timidezza" io ho una timidezza certa ;-)) e ho mandato una letterina solo per Lo...
    niente da nascondere, davanti ad un caffè e fra noi comari raccontarmi è molto naturale, ma non lo è davanti a una platea più vasta, ciao!

    RispondiElimina
  3. cara Cri...grazie di cuore....ti ho immaginato nel tuo angolo, mentre scrivevi per me...e anche da te è arrivato un frammento prezioso...sei meravigliosa e sono felice di averti trovato
    un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Bello questo racconto...anch'io son molto timida e...raccontarmi non è facile per niente, anche se sono un fiume in piena solitamente :-P
    Tantissimi auguroni Cri, a te ed alla piccolina!
    Un bacione
    Ago :-D

    RispondiElimina
  5. Bel raccontarsi.
    Hai reso bene l'idea dell'"angolo", il tuo come quello di ognuno di noi, che è un rifugio, un nido, una coccola.
    Grazie per questo regalo di un pò di te.
    Un abbraccio
    :)

    RispondiElimina
  6. Adoro questo blog. Adoro la tua scrittura. Adoro questa nuova veste grafica. Adoro averlo tenuto a battesimo. Ti voglio bene.

    Mr. President!

    RispondiElimina

lascia un segno del tuo passaggio...