martedì 19 gennaio 2010

INSALATINA DI PUNTARELLE

INSALATINA DI PUNTARELLE


...con dressing al miele e balsamico e crostini di pane ai semi di girasole (giusto per non pubblicare un post dal titolo wertmulleriano).

In origine i crostini erano 'croccante di pane ai fichi' (ricordate il mio vegmenu ispirato alle proposte di Andrea Alfieri del Sempione42?) ma siccome io sono decisamente più ruspante (la verità è che il pane ai fichi non ce l'ho) la variante ci stava 'na meraviglia e guarda caso mi avanzava giusto giusto del pane ai semi di girasole preparato sabato. Perfetto per ricavare una manciata di crostini.

Questa mattina mentre facevo la spesa ho addocchiato certe catalogne che mi guardavano sull'attenti, quasi a voler attirare la mia attenzione. Pronti, via.
Avevo già in mente il pranzettino.
Solo che, da brava padana, mica mi sono mai cimentata in vita mia con le puntarelle. Mai mai mai. Anzi, credo di averle mangiate davvero pochissime volte (anche perché spesso mi venivano proposte con l'acciuga che io detesto con tutto il mio cuore).
E quindi? Bon, proviamoci comunque. In rete ci sono un sacco di consigli anche 'fotoguidati'  (per esempio questo) per cui tutto sommato non è difficile, basta un po' di pazienza.
La catalogna che ho acquistato non è proprio quella cicciona che si vede nelle immagini che vi ho linkato, ma quella lunga (so' troppo tecnica?) che però ho scelto badando bene che possedesse un cuoricino bello consistente di foglioline tenere che ho accuratamente pulito e tagliato a striscioline con l'aiuto dello spelucchino (le foglie 'normali' le ho lessate in abbondante acqua salata).
Ho messo in ammollo in acqua fredda con cubetti di ghiaccio, acidulata con mezzo limone, per un'oretta circa le striscioline, che si sono arricciate benissimissimo.
Ho preparato un dressing con mezzo cucchiaino di miele di tarassaco (grazie alle mie consulenti online, Valentina ed Enza!) mezzo cucchiaino di aceto balsamico: ho messo il tutto in una tazzina da caffé e scaldato brevemente nel microonde per liquefare il miele, regolato quindi di sale e pepe.
Ho condito con un cucchiaino di olio extravergine i ricciolini, li ho cosparsi con il dressing e ho aggiunto una generosa manciata di crostini (ovvero pane ai semi di girasole tagliato a cubettini e tostato brevemente in padellino antiaderente appena appena unto di olio extravergine).

Sono ufficialmente innamorata dell'insalatina di puntarelle!