sabato 2 gennaio 2010

Riso Rosso Selvaggio al Radicchio di Verona





...e formaggio di mandorle, con erba cipollina, se vogliamo dirla tutta.
Sto sperimentando l'assortimento (disponibile nel punto vendita della Cooperativa LaPrimavera vicino a casa mia) di prodotti sfusi: cereali, semi, etc..
Ognuno si riempie il suo sacchettino di carta, se lo pesa e va alla cassa. In questo modo si può acquistare una minidose giusto per provare un prodotto (come in questo caso) senza ritrovarsi con sacchettini a metà di cereali strambi che non ti sono piaciuti e non sai come liberartene (cosa che onestamente non mi capita mai) o confezioni di legumi dimenticate in fondo alla dispensa, chissà quanto tempo fà.
Su, su, confessate: è capitato anche a voi!
Inoltre, giusto per confermare le buone intenzioni di ridurre i rifiuti, meglio un sacchettino di carta riciclabilissimo che un inutile e inquinante bustina di plastica. Ed è pure più carino!
Ho provato questo riso in uno dei miei pranzetti in solitaria, e devo ammettere che: sì mi è piaciuto, però attendendo che si cuocesse per bene sono morta di fame! Forse con la pentola a pressione non si rischia di azzannare il cucchiaio di legno dalla disperazione.
La cremina di mandorle è un'idea carinissima che ho copiato pari pari dal blog di Alice, di cui mi sono innamorata a prima vista (e a primo assaggio, perché questo pseudo formaggio delizioso lo utilizzo da quando l'ho addocchiato in questa ricetta). L'ho già provato sui cereali con le zucchine (voi già sapete quanto mi piace l'abbinamento mandorle-zucchine?), sulla pizza ma soprattutto su una focaccia radicchio rosso e patate croccanti (non l'ho fotografata ma è deliziosa!). Visto che pure l'abbinamento radicchio/mandorle ha riscosso un certo successo, perché non provarlo con un risottino?
Per il formaggio di mandorle questa volta ho adottato la variante dell'erba cipollina, visto che il mio timo ormai non produce più foglioline (in compenso l'origano è in gran forma, sopravvissuto alla nevicata e alla gelata... mistero!).


RISO ROSSO SELVAGGIO 
CON RADICCHIO ROSSO DI VERONA
FORMAGGIO DI MANDORLE
ED ERBA CIPOLLINA

(dosi per una Golosastra affamata)

80 gr di riso rosso selvaggio
1/2 scalogno piccolo
1 piccolo ciuffo di Radicchio Rosso di Verona
olio extravergine di oliva
brodo vegetale q.b.
sale&pepe

(quantità per circa una tazza da the di ‘formaggio’)
1/2 tazza di mandorle lasciate in ammollo in acqua fredda per almeno 2 ore (in frigorifero)
un cucchiaio di succo di limone
un pizzico di sale marino integrale
un cucchiaino di crema di mandorle bianca
erba cipollina

Preparate con un certo anticipo il formaggio: mettete in ammollo le mandorle spellate in acqua fredda, lasciandole in frigorifero. Dopo l'ammollo, sciacquatele e passatele al mixer, aggiungete il succo di limone, un pizzico di sale ed infine la crema di mandorle (io ho usato questa che trovo da NaturaSì). Coprite e mettete a riposare in frigorifero per mezza giornata.
(io ho messo in ammollo le mandorle la sera, preparato il formaggio il mattino presto e poi lasciato riposare tutta la mattina in frigo).

Preparate il riso:  tritate lo scalogno e stufatelo brevemente con un cucchiaio scarso di olio extravergine di oliva, aggiungete il radicchio mondato e tritato e poco brodo vegetale. Lasciatelo ammorbidire un paio di minuti, quindi unite il riso rosso, tostatelo brevemente e aggiungete gradualmente  il brodo vegetale (che lascerete sobbollire in una pentola a parte, prendendo mestolo per mestolo e aggiungendolo poco per volta al riso fino a cottura ultimata).
A fuoco spento, aggiungere un filino ino ino di olio extravergine a crudo, regolate di sale&pepe, impiattare e condire con la cremina di mandorle e una spolverata di erba cipollina tritata.

note: in rete ho trovato come indicazioni di cottura 34/40 minuti. Secondo me ci vogliono almeno 10 minuti in più. 
Le dosi del formaggio sono decisamente abbondanti, anche se ho ridotto le dosi rispetto a quelle indicate da Alice, Tuttavia non ne è avanzata neanche una briciolina...

11 commenti:

  1. Mi piace tantissimo l'abbinamento, ma soprattutto il formaggio di mandorle... ma cosa è la crema di mandorle? E' dolce? Dove si trova?
    Il riso rosso mi piace molto, ma hai mai provato quello venere? E' strepitoso!!! Ma devi avere anche con lui molta pazienza...
    Stefania

    RispondiElimina
  2. @ fantasie - Stefania, ciao, piacerissimo! Lo sai che la mia bimba porta il tuo nome? La crema di mandorle che ho usato è quella de 'la finestra sul cielo' che trovo da naturasì (ho aggiornato il post con i link per identificarla meglio). E' solo una crema fatta di mandorle bio pelate e macinate, senza zucchero né altro.
    Il riso venere l'ho provato a casa di un amico con carciofi e stracchino (uuuuh che delizia)!

    RispondiElimina
  3. Spettacolare questo piatto io ne vado matta del riso rosso... e poi così non l'avevo mai provato un'ottima ricetta.. e ottima foto caricata da Flirck... baciotti Tesoro

    RispondiElimina
  4. Formaggio di mandorle...fantastico, è anche semplicissimo da realizzare, l'idea ci piace molto, moltissimo! Ne sappiamo qualcosa di quanto tempo occorre per fare cuocere il riso rosso (ma anche il Venere), la prima volta stavamo disperando! Il tuo risottino può solo essere squisito, l'acquolina si è già scatenata!
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  5. felice di averti scoperta!!! e questa ricetta è stre-pi-to-sa!!!! la cremina di mandorle la devo provare subitissimo!
    a presto
    ciao laura

    RispondiElimina
  6. adoro questo tuo blog! scoperto stanotte e già non riesco a staccare gli occhi... ehm...buongiorno, betty :)

    RispondiElimina
  7. Frantastico questo abbinamento ragicchio/mandorle...mi è venuta una mezza idea...mumble mumble :)
    Per quanto righuarda i mezzi sacchetti lasciati dimentocati in dispensa...bhè confesso...beggata!!!
    bacioni grandi
    fra

    RispondiElimina
  8. @ La Cuoca Pasticciona - grassie cara!
    @ Luca&Sabrina - ogni tanto compro qualche cereale e poi mi accorgo dei tempi di cottura biblici... mi viene voglia di prendere la pentola a pressione ma mi fa... IMpressione!
    @ Laura - sono felice io! La cremina è deliziosa. Fammi sapere se ti è piaciuta!
    @ Betty Carbuncle - ahhaha buongiorno, dato l'orario anche buonasera! E piacere di averti tra noi!
    @ Fra - sono curiosissima... cosa medita quella testolina? Attendo con l'acquolina!

    RispondiElimina
  9. naturalmente dalle mie parti tali posticini dove acquistare bio senza sprechi non esistono...... grunch! bella l'idea del formaggio di mandorle!!! le foto sono veramente belle anche quelle delle crespelle qui sotto!! :-)
    ciao Pippi

    RispondiElimina
  10. Anch'io sono per la spesa che verte al risparmio ed al reciclo, sa più di naturale.
    Questo piatto ha proprio l'aspetto goloso, se lo preparo seguo il tuo consiglio e vado di pentola a pressione!
    un Sorriso...

    RispondiElimina
  11. Ciao! Ho trovato il tuo blog per caso, mi piace un sacco! Leggendo i vari post mi sono soffermata su questo... come sei fortunata ad avere un posto dove puoi comprare i prodotti sfusi!! Che tu sappia c'è qualcosa del genere dalle parti di Milano (o Pavia, dove abito)?
    A presto! :-)

    RispondiElimina

lascia un segno del tuo passaggio...