domenica 11 ottobre 2009

Evviva lo strudel!


Al solito. Arriva la Golosastra a stravolgere le tradizioni. Non contenta di proporre una versione vegan (e pure light, se vogliamo), mò vi stravolgo anche il ripieno.
Io amo lo strudel. Con le mele, l'uvetta, la cannella. Accetto anche i pinoli, pur non amandoli particolarmente (infatti spesso a casa li sostituisco con le noci). Ma questo ripieno, lasciatemelo dire, è una bomba!
Che l'abbinata pere+cioccolato sia favolosa si era già detto (tra l'altro andando a ripescare questo vecchio post mi sono accorta che a) non riesco a visualizzare la foto della zuppa... ahahahh chi se l'è mangiata? b) anche l'abbinamento zucca, ricotta del Cansiglio e semi di papavero mi piace un bel po'!) e ogni volta che vedo in giro per i blog ricettine con questi due ingredienti la mia acquolina aumenta in maniera esponenziale. Così come avvenne il giorno in cui scoprii l'esistenza di questo strudel (in una versione squisitamente altoatesina). Fu durante un weekend in questo posticino qui dove un tempo andavo anche piuttosto spesso e in qualsiasi stagione.
Arrivai e subito una locandina colpì la mia (golosa) attenzione: "La settimana del buongustaio" (o qualcosa che suonava altrettanto appetitoso). Una settimana durante la quale il già succulento menu del ristorante veniva arricchito da proposte ad hoc.
Che dire? Me lo ricordo ancora questo strudel!
Volete provarlo?
Poi, non vorrei insistere, ma con una giornatina uggiosa come quella che l'autunno ci ha regalato ieri, cosa c'è di meglio di un buon the caldo con una fetta di strudel?

piesse - per i golosissimi, per i tolleranti, per quelli che non stanno mai a dieta: provatelo anche con la sfoglia classica. Per i pigri: vi concedo pure la pasta sfoglia già pronta, non vi pentirete del risultato!


Per la pasta:
200 gr di farina 00
4 cucchiai di olio di semi di mais


un pizzico di sale
un pizzico di cremor tartaro
latte di riso q.b.

Per il ripieno:
3 pere
50 gr di cioccolato fondente
1 manciata di noci tritate
2 biscotti secchi sbriciolati

1 cucchiaino di malto
zucchero a velo per la decorazione


Mettete la farina sulla spianatoia o in una ciotola abbastanza capiente, aggiungete il cremor tartaro, un pizzico di sale e l'olio. Iniziate ad impastare e aggiungete latte di riso quanto basta per ottenere una pallotta liscia ed elastica. Avvolgetela nella pellicola e lasciatela riposare una mezzoretta.
Nel frattempo preparate il ripieno: sbucciate le pere e tagliatele a piccoli pezzi, mettetele in una ciotola e mescolatele con delicatezza con la cioccolata tritata molto grossolanamente e le noci.
Stendete la pasta sottile su uno strofinaccio pulitissimo e infarinato, prima con il mattarello poi aiutandovi con le mani. Ritagliate con la rotella la pasta in eccesso fino a formare un  rettangolo e  disponete prima i biscotti sbriciolati su circa 2/3 della superficie e quindi il ripieno.
Con  l'aiuto di uno strofinaccio (questo video può aiutarvi a capire come) arrotolate la pasta fino a formare un cilindro e disponetelo sulla placca rivestita con carta forno.
Spennellate con poco latte di riso la superficie e infornate a 180° (io uso il forno non ventilato perché mi sembra che altrimenti si secchi troppo, essendo una versione a ridottissimo utilizzo di grassi) per 15 minuti circa (se vedete che tende a scurire troppo, coprite con carta stagnola) .
Tirate fuori dal forno, spennellate la superficie con un cucchiaino di malto (io ho barbaramente intinto il pennello in silicone e passato sulla superficie calda dello strudel!) e infornate nuovamente per una decina di minuti.

Una volta sfornato, lasciate raffreddare e spolverizzate di zucchero a velo prima di servire.

31 commenti:

  1. Questa variante dello strudel è moooolto invitante, tenendo conto che non vado matta per uvetta e affini! :)

    Ehm... scusa l'ignoranza, ma non conoscevo il cremortartaro ...si può sostituire con del lievito?! (o è eresia!?) :P

    ps: da oggi ti seguo tramite networkedBlog ;)

    RispondiElimina
  2. bello questo strudel!!!!!!! me lo appunto! ciao

    RispondiElimina
  3. ciao!! mi piacciono le ricette che stravolte..ti danno la possibilità di accontentare più una persona!!
    lo segno!! ciao e buona domenica!

    RispondiElimina
  4. Io devo ancora fare colazione, un piccione viaggiatore dici che ce la fa a mandarne qui un pezzetto? Dai dai dai!

    RispondiElimina
  5. sapevo che era una goduria!!!!sto già sbavando davanti alla foto!ieri ho fatto i muffin pere e cioccolato quindi puoi capire che il binomio mi piace da morire!!!!

    RispondiElimina
  6. eccoti e giusto ieri sera pensavo a te: dovevo preparare un dolce e...non avevo le uova, ma si puo'?
    Ho pensato a che cosa avresti fatto tu, alla fien ho tiratu fuori un rotolo di pasta sfoglia, ho pensatto ad uno strudel, poi siccome pure la voglia era poca, ho messo sopra la sfoglia della nutella, delle mandorle tritate e ho infornato.

    RispondiElimina
  7. @ Margherita - piacere di conoscerti! Il cremor tartaro ( io uso QUESTO ) lo puoi sostituire con del lievito normale, non vanigliato possibilmente. A dire la verità secondo me qui si potrebbe pure evitare.
    @ Ciao Maia, fammi sapere se ti è piaciuto.
    @ Federica - si fa di necessità virtù. In questo caso accontenti vegani, salutisti, intolleranti, maniaci della dieta, etc.! Buona domenica a te!
    @ Azabel - se ce ne fosse ancora un pezzetto partirei con la bici e verrei a fare merenda da te. Ma il mini avanzo l'ho lasciato a Illasi da mia sorella, in cambio dei sformatini alle melanzane avanzati ;) un affarone!
    @ Giò - ahahah, buoni anche i muffins. Peccato che ho finito le pere, altrimenti quasi quasi...
    @ Lauretta and Mary - Grazieeee!

    RispondiElimina
  8. @ Blunotte - eccola lì, fin che rispondevo ai commenti è arrivato il tuo! Tesoro mio, hai il mio nr. chiamami pure se vuoi quando hai bisogno!

    RispondiElimina
  9. Abbiamo apprezzato tantissimo la tua personalizzazione della ricetta, che la rende ancora più golosa, hai osato nel modo migliore, sei bravissima!
    Un abbraccio da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  10. Sai che al mercato di Lucerna c'era un banchetto che vendeva solo strudel? Tantissimi tipi. Da perderci la testa. Con i ripieni ci si può sbizzarrire e il tuo mi sembra un accostamento azzeccatissimo e collaudato. Non si può sbagliare.
    Adoro anche lo strudel con il solo ripieno di semi di papavero. Una cosa da sballo (e sicuramente anche allucinogeno :-)))
    Baci
    Alex

    RispondiElimina
  11. Ciao!Adoriamo lo strudel: è un dolce semplice, caldo e con una sfoglia croccante e dorata! l'aggiunta del cioccolato ci sembra davvero perfetta..per rendere questo dolce anche goloso!
    un bacione

    RispondiElimina
  12. ops mi piace si si si ...mi paice...lo voglio e mi piace si si si ...aòòòòòòòòòòòò bella mia tè devo dì una cosina! ;)

    RispondiElimina
  13. oh mamma ma questo ripieno è da urlo!! sarà che non ho ancora cenato ma la mia salivazione è completamente impazzita ;)
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  14. oh mamma ma questo ripieno è da urlo!! sarà che non ho ancora cenato ma la mia salivazione è completamente impazzita ;)
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  15. Questa versione dello strudel è ancora più golosa, perchè a me l'abbinamento pere-cioccolato piace tantissimo, poi l'aggiunta delle noci lo rende davvero speciale!
    Ottima anche la pasta!!!

    RispondiElimina
  16. Che buona questa versione con pere e cioccolato...mi piace un sacco!!

    RispondiElimina
  17. Non solo sai tutti e sette i re di Roma, ma sforni questi post pieni di link, di novità e di strudel.
    Senti un po', ma è proprio essenziale quel "1 cucchiaino di malto"?
    Lo comprerei solo per fare la tua ricetta, poi il barattolo rimarrebbe per sempre in dispensa, per la gioia delle tarme alimentari che apprezzano molto la mia avventatezza nell'acquisto di prodotti raramente cucinati.

    Famme sape' e viva le lotterie dell'Auchan!

    RispondiElimina
  18. Ah eccolo qui!Che spettacolo, io lo sottoscrivo al 100%.Cioccolato e pere è un abbinamento da paura, replicherò!
    Bacione

    RispondiElimina
  19. Che buona! Pere e cioccolato ... semplicemente perfetta! ;D

    RispondiElimina
  20. io sono a dieta e pure pigra....mi mangio la tua...ce ne fosse ancora ;-))
    bello il posticino, mi farei una giratina
    voolentieri!!

    RispondiElimina
  21. Booono lo strudelino!
    Io a casa lo faccio spessissimo!! Buono da mangiare, è profumato e ottimo per l'autunno!!
    Io lo faccio sempre con le pere, è molto più buono secondo me :-P ihih...
    Ebbrava!!

    RispondiElimina
  22. ok ho capito, lo state facendo apposta ve'?? no dco.. io non l'ho mai fatto lo strudel (lo ammetto...) e ora lo vedo a destra e a manca.. non è giustoo! Mi sembra buonissimo questoccuà .. pere noci e cioccolato avvolte da una deliziosa pasta con latte di riso... tentazione vera ! va bene.. dovrò provarci!

    RispondiElimina
  23. Che delizia... troppo invitante!

    RispondiElimina
  24. che bello vedere una ricettina cosi' autunnale, ormai io sono completamente assorbita dalla stagione delle foglie cadute..

    RispondiElimina
  25. Io se stravolgi non mi scandalizzo mica, anzi se vuoi faccio da assaggiatrice ufficiale!!!

    RispondiElimina
  26. Cri, io sono abbastanza fissata (e perdutamente innamorata) dello strudel classico, ma per questo potrei ben fare n'eccezione, e sperimentare cosi' l'accoppiata pere-cioccolato! Acquolina..no...non so proprio di cosa parli :-P

    Baci!

    RispondiElimina
  27. Ho l'acquolina in boccaaaaaaaaaa!

    RispondiElimina
  28. Ma che bello il tuo blog!
    Ma che bello questo strudel!
    Signora Golosastra, complimenti vivissimi per lo stravolgimento!
    miauuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu

    RispondiElimina
  29. che spettacolo! bravissima :-)))

    RispondiElimina

lascia un segno del tuo passaggio...