domenica 14 settembre 2008

I risini

Alzi la mano (Veronesi e limitrofi esclusi) chi li conosce?
Io, alla veneranda età di 30 anni, ho scoperto da un milanese che ha vissuto a Verona per qualche anno che si trovano solo nel territorio veronese.
Si consumano preferibilmente a colazione, li trovate accanto alle brioche in tutti i bar, le pasticcerie, i panifici.
Ad Isola della Scala (ragaaaazzi, è tempo di Fiera del Riso!) fanno anche la torta di riso... ma io preferisco di gran lunga i risini! E la mia Pepi li adoooora, così ho deciso di provarci, ma non ho una ricetta "vera".
Vi lascio una ricetta assolutamente sperimentale, di fretta perché sto uscendo per andare alla serata mondana più mondana dell'anno... e attendo i commenti e i suggerimenti di chi i risini li sa fare per davvero.


RISINI

per la base
240 gr di farina
160 gr di burro
80 gr di zucchero a velo
due tuorli d'uovo
la scorza grattuggiata di un limone


per il ripieno
1 lt di latte intero
150 gr di zucchero
150 gr di riso Vialone Nano Veronese IGP
1/2 stecca di vaniglia
1 uovo intero + 1 tuorlo

Ponete in una pentola a fondo spesso un litro di latte, la stecca di vaniglia aperta e portate ad ebollizione. Aggiungete il riso bel lavato, attendete che torni a sobbollire, aggiungete lo zucchero e lasciate cuocere per almeno un'ora, mescolando spessissimo e lasciando la fiamma al minimo!SPegnete la fima quando il latte sarà stato assorbito dal riso, lasciate raffreddare e aggiungete al composto le uova mescolando con cura.
Mentre il riso sta cuocendo, preparate una base di pasta frolla: impastate il burro freddo con lo zucchero, incorporate le uova.Impastate bene, fino a quando tutte le uova saran ben amalgamate, quindi aggiungete la scorza di limone grattuggiata e per ultima la farina.Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e lasciate riposare almeno un'ora.
Foderate degli stampini piccoli (ehem... io non li avevo e ho usato degli stampini un po' troppo grandi) con la pasta frolla, aggiungere il ripieno e livellatelo.Con queste dosi mi sono usciti 6 stampini diametro circa 8 cm (a occhio...).
Infornate gli stampini in forno caldo a 180/200° per circa 25/30 minuti, finché la superficie risulterà appena dorata e il ripieno ben rappreso.

36 commenti:

  1. Che delizia! Sarà che i dolci di frolla col cuore morbido sono una mia passione ma questi dolcini li devo provare assolutamente. E poi il ripieno col riso al latte che profuma di vaniglia è una tentazione irresistibile!
    E la serata mondana...sono curiosa cos'è? come è andata?
    Un bacio e buon inizio settimana
    Fra

    RispondiElimina
  2. eh va bè...vai alla serata mondana...
    ma dimmi dov'è, che ci vengo anch'io.
    :-))) il risino con la brioche e la ricottina sono i miei preferiti al bar...non ho mai provato a farli...
    ciao e divertiti

    RispondiElimina
  3. Ma sono i budini di riso???? noi in toscana li chiamiamo così.. a me piaciono da matti.. sono un Must della colazione al bar....
    Favolosiiiiiiiiiiiii!!!!!

    RispondiElimina
  4. slurps.....dico solo slurps....e risluprs...e ma che serata mondana è????? curiosaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  5. ihihi comunque il compleanno della mia pasta madre è il 2 febbraio ;)

    RispondiElimina
  6. Li conosco eccome!!!! Quando stavo a Roma avevo un amico pasticcere che ogni tanto me ne "allungava" qualcuno per colazione. Buonissimi! Buona serata Laura

    RispondiElimina
  7. Ma certo ceh li conosciamo ...e li adoriamo anche...ti sono venuti proprio bene..chissà che buoni!!
    bacioni

    RispondiElimina
  8. avviso ai naviganti....qui, premio da ritirare, riprenditi dalla seratina e
    passa....ciaooo!

    RispondiElimina
  9. Sono dolci veronesi? Oh che bello, c'è da andarne fieri vista la bontà! Mi copio la ricetta e li proverò, sono troooooppo buoni!
    Fiera del riso che sarà seguita da quella del lesso e pearà... mmm che bontà! ;-)

    RispondiElimina
  10. Sono curiosa anche iooooo! Quale sarebbe la festa più mondana dell'anno? E'qualcosa di Verona di cui non sò nulla?!

    RispondiElimina
  11. ignorante presente!!!!

    e siì che ci vivo pure a Verona da qualche anno, ma non ricordo di averli nemmeno mai visti.
    prossima volta che entro in pasticceria guardo bene bene e a Isola li cerchero'

    RispondiElimina
  12. se passi da me c'è un premio per te:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  13. Mi hai talmente invogliata con questi risini che ti sei meritata un premio! Metti il forno in pausa e passa da me! ;-)
    ciao L.

    RispondiElimina
  14. Che bella scoperta cara la ricettina...mi ha dato il benvenuto dalle vacanze!!! Un bacio e grazie del premio!!! Sei stata carinaaaaa...

    RispondiElimina
  15. Ma certo che li conosco!!!
    I risini è il tipico nome che date li a VR(ricordo che i miei amici li chiamavano così)..il mio zietto pasticcere a BS li prepara gustosissimi, chiamandole semplicemente pastine al riso.Per la colazione fa dei fagottini di sfoglia ripieni di riso, una meraviglia!

    RispondiElimina
  16. Questi non li conosco proprio!
    Prossima volta che passerò per Verona, non mancherò di cercare in pasticceria! ^_^
    Intanto rubo la ricetta...
    A presto.

    Sere - www.cucinailoveyou.com

    RispondiElimina
  17. ciao passa da me c'è un premio per te baci veronica

    RispondiElimina
  18. Non li ho mai magiati, a dire il vero non li conoscevo neanche, però l'aspetto è bello, e latte, vaniglia riso e pasta frolla sono una tentazione irresistibile. Baci Giovanna

    RispondiElimina
  19. Cara Golosì, ti ho risposto sul mio blog!
    Ps. buoni sti risini!

    RispondiElimina
  20. Sono buonissimi li ho preparati anch'io perchè mi piacciono molto.
    Se passi da me c'è un premio che ti aspetta.

    RispondiElimina
  21. Non potrò mica fare sempre i complimenti e dire quanto deve essere buono ciò che appare nelle (belle) foto! ... i risini NON mi piacciono, anche se impastati da mani d'oro. ;-)
    Della festa ne so qualcosa?
    Baci.
    nicola

    RispondiElimina
  22. @Fra - prova la ricettina sperimentale e poi mi dici... oppure fai un giretto a Verona per una colazione al volo!

    @astrofiammante - vogliamo parlare dei risini di Tomasi? Il non plus ultra! Adesso passo a ritirare il premio (yuppi) prima di mettermi a stirare (sgrunt)

    @Maya - non sono esattamente budini di riso, forse si potrebbero definire "crostatine di riso"

    @Lo – allora, il 2 febbraio torta con le candelineeee!

    @L'Antro dell'Alchimista - anvedi, pure a roma ce stanno?

    @manu e silvia - a dire il vero erano un po' fuori dimensione, ma il sapore meritava (la prox volta prevedo alcune modifiche)

    @Fastidiosa - sai che ti dico? A me le sagre piacciono openair, boicotto quelle autunnali nei tendoni!

    @blunotte – caspita, se passi da corso milano prova i risini della pasticceria Tomasi (giuro, non mi danno la percentuale!)

    @unika – Annamaria, tesoro... graaaazie, davvero!

    @Fastidiosa – uh uh! Devo stappare lo champagne per festeggiare con voi! Quanti premi!

    @LaSere – bentornata!

    @Saretta – infatti, mi hanno detto che si trovano anche a Brescia... interessante lo zio... andiamo a trovarlo?

    @Sere – se passi da Verona organizziamo una megacolazione!

    @Veronica – sono strabiliata da questa marea di premi! Ma siete sicuresicure che me li merito? Grazie davvero!

    @Giovanna – l'aspetto dei miei risini è ingannevole, dovrebbero essere più piccini, magari domani vado a prenderne uno “vero” e posto una foto!

    @CuocaPrecaria – ciao Cippì, come si dice buon appetito in turco? Ti stavo proprio pensando!

    @Roberta – non ho parole, quanti premi! Sono felicissima! Grazie!

    @Orangecat – ehem, meno male che domenica sera non te li ho portati! Volevo impacchettarne uno e regalartelo per la colazione del lunedì, meno male che uscendo di corsa mi sono dimenticata! Tu sai qualcosa della festa? Ho suscitato un po' di curiosità...

    RispondiElimina
  23. Premio per te! Passa a ritirarlo!

    RispondiElimina
  24. Golosastra, hai risvegliato in me dolci ricordi, li mangiavo in una pasticceria in provincia di Padova quando abitavo da quei pizzi.
    Grazie per la ricetta, per la segnalazione e per il ricordo che mi hai riportato al cuore.
    :)
    fai un giro da me, c'è una cosa per te (non è un risino...) :D
    Un abbraccio
    Serena

    RispondiElimina
  25. Fatti! E non li ho neanche potuti fotografare ;-(( Pero', invece di aggiungere le uova al riso, ho fatto la crema pasticciera a parte....devo dire che la mia amica inglese e i suoi figli hanno molto apprezzato! Grazie! Laura

    RispondiElimina
  26. li ho fatti anch'io!!! ho modificato la ricetta, il ripieno l'ho preso da un'altra brava veronese.

    RispondiElimina
  27. Ciao...:-) Soleluna del blog http://stegnatdepolenta.myblog.it/ ha iniziato una simpatica raccolta con la zucca....partecipa anche tu...entra nel suo blog e leggi il regolamento:-) un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  28. Ciao Cri!!!! Sono tornata!!! AAAHHHH!!! Anch'io voglio venire ad Isola della Scala alla fiera del riso (ora posso..sono a PAdova e ho pure un'amica di isola)..mmm...siamo vicine...anzi, vicinissime..aspetta che ti busso uno di 'sti giorni.bacini.lety

    RispondiElimina
  29. io li conosco come "crostatine di riso": qualche pasticceria li fa anche qui. non avevo idea che fossero veronesi! buoni però eh :D

    RispondiElimina
  30. @ Golosotopi - uuuuhhh che meraviglia... dovrò traslocare in una casa più grande per collezionare tutti questi premi! Grazie!
    @ serena - grazieeee anche a teeee!
    @ l'ode al pomodoro - potremmo ribatezzarli "the risins" in uno splendido inglese maccheronico!
    @ blunotte - gnam, mi sembra che ti siano proprio venuti bene!
    @ unika - grazie della dritta, adoro la zucca!
    @ mikamarlez - finalmente! ormai non ci speravo più! fatti sentire!
    @ salsadisapa - spero che siano veramente veronesi, a me l'ha suggerito un milanese (io fin da piccola pensavo che si trovassero ovunque!)

    RispondiElimina
  31. Adesso li conosco anche io!! Grazie.. e complimenti per lo splendido blog!

    RispondiElimina
  32. Non ho idea di come possano essere questi risini, mi tocca provare la ricetta per capirlo...ahhhh la vita e la cucina è proprio un gran "sacrificio"! ^____^
    Bacioni
    Sonia

    RispondiElimina
  33. Embè, allora non ero l'unica a credere che fossero comuni anche in altri posti!

    RispondiElimina
  34. Anch'io sono di Verona e sono cresciuta con i risini ma non sapevo si trovassero solo da noi...ecco perche' non trovavo la ricetta in giro. Grazie per averla condivisa...ora posso farmeli a casa!

    RispondiElimina
  35. Grazie! Li ho fatti anch'io... deliziosi. Qui a Rimini ci sono, ma si chiamano pasticcini di riso. Li mangiavo spesso da bambina e ora posso farli anche da me grazie a te!
    Ciao...

    RispondiElimina
  36. ciao sono taced, grazie per aver condiviso la ricetta: conto di riuscire a farli un giorno (e spero mi riescano buoni come quelli che ho mangiato!)
    se ti va, passa a trovarmi
    http://handmadecreativity.blogspot.com/
    ciao, taced

    RispondiElimina

lascia un segno del tuo passaggio...