mercoledì 9 giugno 2010

COPPETTE DI CAROTE ALLA VANIGLIA E CIOCCOLATO


Va bene, va bene, ufficialmente è arrivata l'estate. Ora possiamo mettere da parte davvero gli stivali e sfoggiare infradito e sandalini. 
Alla 'prova bikini' avremmo dovuto pensare qualche mese fa, (sob!) ma non è mai troppo tardi per iniziare a seguire un'alimentazione sana ed equilibrata (no alle diete lampo, non sono mai equilibrate e spesso i pochi kg persi rapidamente si recuperano con pari velocità).
(ahahah come sono brava a predicare... ma razzolo malissimo)
Soprattutto non è mai mai mai il caso di rinunciare al gusto, ad una coccola, anche ad un dolcetto, purché sia leggero, possibilmente vitaminico e pure pro-abbronzatura.
Queste coppette, a mio avviso, sono più adatte ad una robusta merenda piuttosto che a fine pasto come dessert, infatti sono ben sostanziose (spero di non dire un'eresia dichiarando che potrebbero sostituire un pasto. Domani provo e se sopravvivo vi informo!).
Sono rapidissime da preparare, il tempo al fornello è più che sopportabile, non richiedono una gran maestria ma solo buoni ingredienti.
Da un annetto le avevo addocchiate su un numero di CucinaNaturale, oggi ho rinunciato alle carote nella mia insalatona multicolor e le ho sacrificate per un dolcetto (che all'inizio doveva essere questo, ma poi chissà perché questa rivista è apparsa alla mia vista).
A me sono piaciute un sacco!





COPPETTE DI CAROTE
ALLA VANIGLIA E CIOCCOLATO

(ispirato da una ricetta di CucinaNaturale - aprile 2009)
per 2/3 persone
250 gr di carote (peso delle carote già pulite)
250 ml di latte di riso
1 cucchiaio di olio di riso

25 gr di mandorle tostate
1/2 baccello di vaniglia
2 cucchiai di malto di mais
4 albicocche secche
scaglie di cioccolato fondente e qualche mandorla intera tostata per decorare le coppette

Frullate le carote con le albicocche e il latte di riso, mettetele in una pentola con il baccello di vaniglia diviso in 2-3 pezzi, portate a bollore e abbassate la fiamma e lasciate andare finché si riassorbe tutto il liquido. Aggiungete l'olio di riso e cuocete per altri 15 minuti, lasciando caramellare leggermente il composto.
Lasciate intiepidire, eliminate la vaniglia e unite le mandorle tritate.
Disponete il composto in 2 coppette (o 3 più piccine), lasciate raffreddare in frigo.
Servite decorando con cioccolato fondente in scaglie sottili e qualche mandorla tostata intera (si suggerisce l'abbinamento con ruhm morbido... mmmmh...).

note - le dosi nell'articolo di CucinaNaturale erano doppie, indicate per 4 persone/4 coppette. A mio avviso anche queste dosi sono sufficienti per 4 coppette piccine, dato che il dessert è molto sostanzioso.
Io ho velocizzato un pochino il procedimento, frullando insieme carote e albiococche secche e utilizzando mandorle già tostate (di solito ne tosto in quantità e le conservo in un barattolo ermetico, pronte all'uso) e ho diminuito la dose di olio.

12 commenti:

  1. è un estate ancora più colorata con questa bella ricetta

    RispondiElimina
  2. un dolcetto davvero originale...non ci si può tirar indietro se fa bene all'abbronzatura ;-)))

    mai parola di verifica è più azzeccata......
    fregad!!! ^_____^

    RispondiElimina
  3. M'ispirano un sacco sacchissimo...

    RispondiElimina
  4. Che bel dolce! Era un pò che pensavo anche io ad una cosa del genere ma non sapevo come realizzarla! Ora copio la tua! Evvai....

    RispondiElimina
  5. Cri, dillo che questo dolce è dedicato a me, dillo sù>!
    *-* è bbuonissimo.. ma VERAMENTE buono! ... solo un piccolo problema: le carote è meglio per me non mangiarle :( poi magari ti spiego perché ma la verdura arancione proprio no... però però... se mi facessi solo un bicchieriiino.. forse così tragico non sarebbe sù. Mi piace proprio questo dolce al cucchiaio.
    Oggi devo andare a fare degli esami allergologici... e ti ho pensata ! :)

    RispondiElimina
  6. ma come mi stuzzica l'idea di provarla!!!!!

    RispondiElimina
  7. davvero genale questa ricetta! golosa e sana!!!

    RispondiElimina
  8. Ma noooo, ci sono le carote, quindi non può fare ingrassare! :P

    RispondiElimina
  9. Grande Cri!Io provo col latte di madorla e con le carote tristi che ho in frigo ;)Per l'abbrozatura possiamo benissimo "sacrificarci" a mangiare dolci no? ;p

    RispondiElimina
  10. Per me sarebbe già ora di merenda e visto che il pranzo é stato a base di frutta ora qualcosina di più sostanzioso ci starebbe pure :-)
    Io mi sto preparando per la prova bikini 2011.
    Un bacione
    A.

    RispondiElimina
  11. @ Gunther - speriamo diventi anche più fresca, qui c'è un clima africano!

    @ astrofiammante - ahahah ultimamente ho un feeling con le parole di verifica!

    @ Francesca - mi sono appena pappata l'ultima ;)

    @ spighetta - vale la pena di stare un pochino ino davanti al fornello, poi te lo godi bello fresco da frigo!

    @ fiOrdivanilla - ohmammamia, spero che non ti abbiano privata di nulla che tu desideri mangiare!

    @ luby - prova, dai! Poi fammi sapere se ti è piaciuto!

    @ Ely - grazie, ho scopiazzato malamente la genialità di CucinaNaturale ;)

    @ Margherita - infatti, non è una bomba possiamo concedercelo, no?

    @ Saretta - ellapeppa, col latte di mandorla dev'essere una bbbbombaaa!

    @ roberta cobrizo - grazie tesoro!

    @ Alex - io ho pranzato con millemila ciliegie, a merenda mi sono pappata l'ultima coppetta. Ora ci vorrebbe l'aperitivo ;) in quan

    RispondiElimina

lascia un segno del tuo passaggio...