martedì 16 febbraio 2010

I Galani (crostoli, chiacchiere, frappe, cenci, etc.) eretici!



Anche quest'anno siamo giunti al termine del carnevale (ah, ma non a Parona, domani c'è ancora la Festa de la Renga!) e porcamiseriaccia dopo aver sofferto vedendo gli altri preparare (e papparsi) frittelle e galani (o che dir si voglia: posto che vai nome che trovi) mi sono decisa a sfidare la tradizione.
La mia golosità non ha voluto neppure questa volta lasciarsi sconfiggere dalle millemila limitazioni a cui mi devo sottoporre (no uova, no latticini e, pure, no fritto)  e quindi, voilà, ecco la mia versione vegan e pure al forno. Saranno eretici ma si lasciano mangiare volentieri anche dagli onnivori!
Oggi la mamma mi prepara pure un piattazzo di gnocchi (vabbé, ammettiamolo, li prepara per la Pepi e io mi autoinvito) e forse forse anche le sue mitiche fritole (che ovviamente non mangerò).

Qui una delle (tante) ricette per i galani, di seguito la mia. Eretica.

GALANI VEGAN AL FORNO

350 gr di farina 00
80 gr di zucchero
60 gr di olio extravergine di oliva
4 cucchiai di rhum (non avevo la grappa, ahem...)
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 pizzico di sale
1 bicchiere scarso di latte di soya
la scorza di 1/2 limone 
la scorza di 1/2 arancia
zucchero a velo per spolverizzare

Mescolare la farina con zucchero, sale, lievito, scorzettine grattuggiate, aggiugere olio, rhum  (o grappa) e legare il tutto aggiungendo poco per volta il latte di soya, (io ho usato un bicchiere  piccolo, circa) fino ad ottenere un composto sodo. Avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare in frigo per un'oretta.
Accendete il forno a 180°, 
Stendete la pasta sottilissima con il mattarello e ritagliatela a triangoli, per comodità potete utilizzare la vecchia cara Imperia per tirare la sfoglia sottilissima. Tagliatela con la rotella a rettangoli, disponeteli sulla placca rivestita da cartaforno e infornate per pochissimi minuti, fino a doratura. 
Lasciateli raffreddare per benino così diventeranno ben croccanti, spolverizzateli di zucchero a velo e divorateli senza sentirvi troppo in colpa!
note - se avete a disposizione più placche da forno, predisponetele tutte con la carta e preparatele per infornare il tutto più rapidamente.

24 commenti:

  1. buone buone buone qualsiasi sia il loro nome! baci Ely

    RispondiElimina
  2. A mohh, così li conosco... mhh arrivo a mangiarne uno ok? bacetto tesò

    RispondiElimina
  3. Io preferisco le tue va ben?e bbrava Cri!!!Bacioneeeeeeee

    RispondiElimina
  4. Fritte, al forno, insomma, non se ne può fare a meno!

    RispondiElimina
  5. Secondo noi quasi quasi son più buoni di quelli classici! certamente più leggeri...che non fà certo male ;)
    bacioni

    RispondiElimina
  6. sono proprio buone e poi al forno mi piacciono moltissimo!!!il nome è solo un di piu:-)baci imma

    RispondiElimina
  7. I galaaaaaniiiiiiiiiiii!!!!
    Sbav, slurp e burp (magari!)

    RispondiElimina
  8. Come li chiami.li chiami per me sempre chiacchiere sono,ma una cosa è certa non ho visto una sola ricetta con gli stessi ingredient.Ma le fritole dove sono.Complimenti per il blog!

    RispondiElimina
  9. Troppo buoni, ne abbiamo fatto scorpacciate incredibili, ci siamo ripromessi di stare leggeri nei prossimi giorni, chissà se riusciremo a non ricadere in tentazione! Di solito le friggiamo, al forno invece non le abbiamo mai preparate!
    Baciotti da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  10. sembrano proprio buoni anche se eretici. anzi, l'eresia ha sempre un buon sapore... ;-)

    RispondiElimina
  11. ottima variante....ma sai che mia mamma ne ha fatte talmente tante che ora non le posso più vedere! un bacione

    RispondiElimina
  12. sai che quest'anno non ne ho ancora mangiata una?
    cmq voto molto farevolmente per le tue versioni eretiche, in più non devo impestare la casa di puzza di fritto (si sa queste robe solo con lo strutto si friggono e nella mia cuicna molto open non se ne parla)!brava!

    RispondiElimina
  13. Ma sei davvero un genio!!! io non amo il latte di soya, ma non avendo fortunatamente problemi di intolleranze, queste sfrappole mi intrigano tantissimo ;) sembrano gustosissime nelle loro leggerezza!
    Un bacione e grazie per l'idea, me la segno per il prossimo carnevale
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  14. Qui in Lombardia il carnevale finisce sabato!!!
    Sono ancora in tempo per provare questi galani al forno; sono l'ideale per il mio stomaco sofferente ^_^

    RispondiElimina
  15. Ma brava...mai arrendersi...mi sa che son buonissimi anche se vegani!
    ben fatto!

    RispondiElimina
  16. Nooooo! Al forno? Senza friggere? Con quelle tradizionali mi sono ingozzata con qualche senso di colpa nascosto in un angolino, figurati se le faccio così... si salvi chi può

    RispondiElimina
  17. Cri hai fatto benissimo ad adattare le Chiacchere alle tue esigenze. Io farò le mie Venerdì (qua Carnevale dura fino a Sabato), le friggerò perchè le ho promesse ad amici e quindi opto per il sano spaciugo frittoso! ;o)

    Baciotti

    RispondiElimina
  18. grandiosa, sei riuscita davvero in un'impresa!

    RispondiElimina
  19. Gli eretici mi sono molto simpatici :-)

    RispondiElimina
  20. ma no che non sono eretici! sono solo piu' sani, e alla fine si digeriscono, l'altra sera mi hanno fatto assaggiare un pezzetto di graffa, ma proprio piccolo e non ho dormito tutta la notte e con questo ho detto tutto. BAsta co ste mamme che fanno le frittelle e noi non le mangiamo..ihhihihi

    RispondiElimina
  21. CriCri tu sei sempre un'eretica!!
    Ti manderei il mio zabaione che va tanto d'accordo con le frittelle, ma è decisamente troppo poco eretico...:( Ma esiste lo zabaione vegan??? Spero proprio di no, ahahah:D

    RispondiElimina
  22. La foto dice che devono essere squisite...gnammmm

    RispondiElimina

lascia un segno del tuo passaggio...