venerdì 30 maggio 2008

La latitanza

Lo so, lo so... sono quasi sparita. Ma in realtà ci sono, ogni giorno dò una sbirciatina alquanto masochista agli altri blog golosi. Entro, mi faccio venire una preoccupante acquolina, scappo via e mi faccio un giretto su ans(i)a.it a farmi passare un po' l'appetito.
La mia d***a (quella cosa innominabile che mi impone un regime alimentare controllato, quella cosa che le golosastre mettono in pratica solo ed esclusivamente in vista dell'estate e della fantomatica prova bikini, e anche se poi in spiaggia non metterò piede comunque mi consentirà di andare a prendere un caffé senza il timore che la carega ceda sotto le mie chiappuzze) tutto sommato procede bene, inizio a sentirmi un zinzino più leggera (e la bilancia, ogni lunedì mattina, mi ringrazia di renderle il lavoro sempre meno impegnativo).
Dovrei muovermi di più, caspita, ma il tempo davvero non mi aiuta (compreso il tempo "atmosferico" che in questi giorni è stato un tantino avverso).
Però sono brava, giuro, sto resistendo anche alla treccina con noci pecan e sciroppo d'acero che ho addocchiato da Tomasi. Mi gusto il mio caffé ristretto con zucchero di canna e me ne vado.
Sto mangiando tonnellate di zucchine (siamo in piena stagione e io le adooooro, soprattutto quelle piccine piccine che faccio saltare nel wok per una manciata di minuti con un'ombra d'olio, sale d'erbe e un giro di maggiorana fresca).
Quindi anche stasera una ciotolina di farro, anche stasera zucchine (e il loro fiore) e un saporitissimo porro.
Ho semplicemente bollito 70 gr di farro (la porzione consentita), pulito e mondato un porro e sette piccole zucchinine che ho affettato e saltato brevemente nel wok con un filino-ino-ino d'olio extravergine e un pizzico di sale d'erbe, ho unito all'ultimo momentoi fiori delle zucchine tagliati a listerelle. Ho scolato il farro e l'ho passato nel wok con le verdure e un cucchiaio di acqua di cottura. Una spolverata di erba cipollina fresca tagliuzzata e... buon appetito!